Cultura / Il libro

"Whatslove ;)": sguardi nella vita degli adolescenti di oggi tra amicizie, amori, sofferenze e ripartenze

Gli autori trentini Francesca Patton e Mattia Coser firmano un romanzo epistolare postmoderno, che sbircia nelle chat dei ragazzi e nelle pagine di diario per restituirci un racconto che "cerca di rappresentare il nostro mondo con leggerezza e profondità". Il 19 agosto la prima presentazione a Bedollo, il 3 settembre appuntamento a Baselga di Piné

TRENTO. Doppia presentazione, nelle prossime settimane, in Trentino, per un nuovo libro firmato da due autori locali: Francesca Patton e Mattia Coser.

Si intitola "Whatslove ;)" ed è stato pubblicato dalla pugliese Fides edizioni: si tratta, si legge in una nota stampa, del "primo romanzo WhatsApp, un’innovazione della letteratura, nata dall’idea di due filosofi trentini".

Sarà presentato il 19 agosto, alle 17, al giardino dell'apicoltura Gocce d'oro di Piazze di Bedollo (via Marconi 35).

L'appuntamento successivo è in programma nell'ambito di un convegno, il 3 settembre, alle 10, alla Biblioteca di Baselga di Piné. Si parlerà del libro nell'ambito della kermesse di tre giorni, dal 2 al 4 settembre, dedicata al sentiero europeo E5, con un approccio attento in particolare al mondo delle narrazioni (e non solo).

Ma come descrivono i due autori questo nuovo lavoro? “A noi – affermano – piace definirlo un whatsbook, un’esperienza nuova per chi ama leggere e sicuramente un modo originale per avvicinare anche i meno amanti dei libri alla lettura”.

Il romanzo, infatti, pur essendo di più di cento pagine, è agevole e si legge con grande facilità.

Questo libro, dicono Patton e Coser, è un po' come “sbirciare nello smartphone di un proprio amico o amica”.

Ed è facile, dunque, farsi prendere da quella curiosità di continuare la lettura.

“Whatslove;)”, spiegano, nasce in modo altrettanto particolare, dato che gli autori lo hanno redatto l’uno dal Trentino e l’altro dall’Austria, condividendo e portando avanti il testo, grazie alle nuove tecnologie.

“È stato – raccontano Francesca e Mattia – come aprire le porte a una realtà parallela e calarsi nei panni di Laura, di Fabio, di Lorenzo, di Natalia e dei vari personaggi del romanzo. Abbiamo giocato a dare vita a una nuova realtà da remoto, grazie alle nuove tecnologie”.

“Whatslove;)” è un romanzo epistolare postmoderno che mette in scena due giovani adolescenti e il loro mondo fatto di scuola, soddisfazioni, amicizie, ma anche sofferenze, ambiguità, sessualità e amore.

"Sarà proprio questo sentimento rosa a muovere le pagine del romanzo e portare Laura, Fabio, Lorenzo e Natalia a crescere. Ognuno a modo proprio, ognuno seguendo la propria spinta interiore e ognuno, alla fine, scegliendo a quale mondo appartenere", spiegano gli autori.

Laura J. Freedman, la protagonista, frequenta un liceo scientifico a Trento e si trova in una fase dolorosa della sua vita. Un evento in particolare ha segnato definitivamente la sua spensieratezza e sarà Fabio, un ragazzo
che frequenta il liceo classico, in un forum di film horror, a farla uscire dalle “tenebre”
. Sullo sfondo, però, appare anche un altro ragazzo, Lorenzo, che presto diverrà un rivale in amore.

Le chat dei ragazzi sono intervallate da pagine di diario in cui Laura conduce il lettore a conoscere da vicino alcune delle giornate che hanno profondamente segnato la sua esistenza e l’hanno fatta crescere.

La protagonista, sprofondata nel buio più buio, decide di condividere il suo percorso per dare speranza anche ad altri ragazzi e ragazze e far comprendere che, anche se a volte la vita fa degli sgambetti, c’è sempre una via d’uscita, un proprio “vento” che, pur innervosendoti, allontana le nubi e porta il sereno.

“Un autore come Italo Calvino – affermano gli autori – sapeva bene quanto fosse un imperativo categorico per uno scrittore rappresentare il proprio tempo e come questo potesse portare a una certa opacità o pesantezza, con Whatslove;) abbiamo cercato di rappresentare il nostro mondo con leggerezza e profondità. Confidiamo di esserci riusciti”.

comments powered by Disqus