Politica / La crisi

I sindacati trentini sparano a zero contro chi ha fatto saltare Draghi: “Miopi interessi di alcune forze politiche”

Cgil, Cisl e Uil preoccupate per le conseguenze che la caduta del governo potrà avere per la nostra economia: “Irresponsabili. Attendiamo le decisioni del presidente della Repubblica sulla date di nuove elezioni”

LO SCENARIO Adesso cosa succede?
BORSA Mercati in grande difficoltà
REAZIONE Esulta il senatore de Bertoldi

TRENTO. Un durissimo comunicato congiunto di Cgil, Cisl e Uil per esprimere tutta l’amarezza per la fine del governo Draghi e la preoccupazione per l’impatto di quello che è successo per la nostra economia e le famiglie italiane. E si scagliano contro coloro che hanno convinto il premier a lasciare.

 “In questo momento di grande difficoltà – spiegano – per i lavoratori e i pensionati si è verificato il peggiore degli scenari per il  nostro Paese. La crisi che si è cristallizzata in Senato e le conseguenti dimissioni del presidente Mario Draghi, questa mattina, consegnano l’Italia ad un momento di grave incertezza”.

”È sconcertante che di fronte all’inflazione in continua crescita e all’impennata senza freno dei costi delle materie energetiche, alla guerra contro l’Ucraina che mette a rischio anche il nostro modello di democrazia, con una pandemia non ancora superata e nonostante difficoltà di fasce sempre più ampie di cittadini e cittadine buona parte dei partiti di maggioranza si sia voltata dall’altra parte e con spirito di totale disfattismo e irresponsabilità abbiano fatto mancare la fiducia al governo di cui erano componenti”.

Il grazie, la battuta sui banchieri, il lungo applauso: il brevissimo intervento di Mario Draghi alla Camera

«Prima di tutto, grazie!». Sono le parole con cui il presidente del consiglio, Mario Draghi, ha aperto il suo intervento alla Camera. Ne è seguito un lungo applauso.



I sindacati proseguono così: “Non abbiamo mai lesinato critiche al Governo Draghi consapevoli delle difficoltà di trovare mediazioni continue per un esecutivo sostenuto da un così ampio e trasversale schieramento. Ci siamo illusi come tanti cittadini, però, che per quanto faticoso il Governo di unità nazionale  poteva essere la soluzione, stretta, per portare il Paese fuori dalla crisi generata dalla pandemia, per modernizzarlo e fare le riforme sfruttando al meglio le risorse del Pnrr, sfruttato a questi scopi l'intera legislatura e andando poi alle elezioni politiche in un quadro più certo per milioni di famiglie”.

E concludono: “Su tutto questo ha prevalso l’interesse di bottega di forze irresponsabili. Ne prendiamo atto con profonda preoccupazione e attendiamo le decisioni del presidente della Repubblica sulla date di nuove elezioni”.

comments powered by Disqus