Giustizia / Il caso

La «bomba» sull'appalto del NOT, futuro nuovo ospedale di Trento: inchiesta della Procura, perquisizioni della Finanza nelle società e in Provincia

Il «project financing» era irregolare? Inchiesta sulla vincente Guerrato e su una società finanziaria di Malta, per turbativa d’asta, falso ideologico ed esercizio abusivo di attività finanziaria, nel mirino il “soggetto promotore del progetto” nella gara (valore circa 1,7 miliardi di euro)

LA TELENOVELA Il nuovo ospedale di Trento va verso Mattarello
BOCCIATURA Tutti i dubbi della Conferenza dei Servizi
ODISSEA Vent'anni di controversie
GUERRATO Ecco come sarà l'ospedale
PROVINCIA De Col: "Si va avanti, verificheremo tutto"

TRENTO. Sono in corso in tutta Italia le perquisizioni dei militari della Guardia di Finanza, su ordine dei magistrati trentini che indagano sulla gara d’asta per la realizzazione del NOT – il Nuovo Ospedale di Trento – opera milionaria aggiudicata dopo numerose vicende giudiziarie al consorzio guidato dalla ditta Guerrato.

Sotto la direzione della Procura Distrettuale della Repubblica di Trento, in queste ore le Fiamme Gialle stanno eseguendo mirate perquisizioni presso la sede della società nominata “soggetto promotore del progetto” nella gara (base d’asta di circa 1,7 miliardi di euro) bandita dalla Provincia Autonoma di Trento per la progettazione e costruzione del maggior polo sanitario della Regione Trentino Alto Adige e la gestione (per 25 anni) dei servizi correlati.

Oltre alle perquisizioni, estese anche all’abitazione dell’amministratore pro-tempore, sono in corso acquisizioni documentali presso gli uffici della Provincia Autonoma di Trento interessati dalla procedura concorsuale.

guardia finanza

Le indagini sono focalizzate sulla ipotizzata falsità della “proposta di finanziamento” per un valore di circa 140 milioni di euro, presentata dalla società italiana, a corredo della propria offerta per l’affidamento dei lavori pubblici, attraverso una S.G.R. (Società di Gestione del Risparmio) con sede a Malta.

Secondo la ricostruzione degli investigatori del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Trento, avvalorata anche dai riscontri eseguiti in territorio maltese grazie ad uno specifico Ordine di Indagine Europeo emesso dalla locale Procura Distrettuale, la società maltese non soltanto sarebbe priva dei requisiti patrimoniali atti a garantire realmente la stazione appaltante, ma non sarebbe nemmeno autorizzata a concedere finanziamenti, essendo la propria attività svolta in Italia (senza una stabile organizzazione) limitata esclusivamente al mero servizio di “gestione portafogli”.

Gli inquirenti trentini sono giunti a tale esito dopo aver analizzato i bilanci, acquisiti all’estero, della S.G.R. maltese, svolgendo parallelamente indagini bancarie e avvalendosi anche del qualificato supporto delle Autorità di Vigilanza competenti in materia ovvero Banca d’Italia e Consob.

I reati ipotizzati dalla Procura Distrettuale di Trento sono:

turbativa d’asta e falso ideologico commesso da privato in atto pubblico, per avere utilizzato un mezzo fraudolento al fine di turbare la gara relativa al Nuovo Ospedale Trentino, mediante la sottoscrizione e presentazione di una falsa attestazione di finanziamento la cui eventuale assenza avrebbe costituito elemento di esclusione dalla gara;

esercizio abusivo di attività finanziaria, per la mancata autorizzazione della società maltese a concedere finanziamenti in Italia.

Due i soggetti ritenuti, ad oggi, responsabili a vario titolo delle summenzionate condotte ovvero l’amministratore pro-tempore della società italiana e l’attuale amministratore della società maltese.


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 

comments powered by Disqus