Il conflitto / Gli aiuti

Oltre 500 gli ucraini già arrivati in Trentino, corsa contro il tempo per fare un campo di accoglienza in Moldavia

La disponibilità offerta da enti pubblici e realtà private è di ulteriori 713 posti. Nel pomeriggio riunione operativa per fare il punto della situazione sull’emergenza profughi

PROFUGHI Fugatti: "Cinformi all'altezza della situazione"
RENZI Per il Donbass "modello Trentino Alto Adige"

TRENTO. Pronta accoglienza dei profughi ucraini e trasporto nelle zone di frontiera del materiale frutto delle donazioni dei trentini. Se ne è discusso nel pomeriggio nel corso di una riunione convocata dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti e alla quale hanno preso parte, tra gli altri, il commissario del Governo Gianfranco Bernabei, il questore Alberto Francini, il presidente del Consorzio dei Comuni Paride Gianmoena e il sindaco di Trento Franco Ianeselli

“Il Trentino dimostra ancora una volta la propria capacità di fare squadra di fronte ad una situazione di assoluta emergenza” ha osservato il presidente Fugatti, che ha evidenziato la necessità di rispettare la regia europea e nazionale nello strutturare il sistema di accoglienza, nelle operazioni di trasporto del materiale destinato ai profughi e nell’allestimento di un campo per la prima accoglienza delle persone in fuga dalla guerra al confine con la Moldavia.

Venti camion carichi di aiuti per l'Ucraina, trentini super per generosità

Un mondo. Una città dentro la città. Un luogo di solidarietà, di empatia, di pace. In Bolghera, a fianco della chiesa di Sant'Antonio, si trova tutto questo. La generosità è commovente: sono state raccolte 130 tonnellate di merci, pari a venti camion.



Qui, non appena le istituzioni locali individueranno un’area idonea, dapprima sarà compiuto un sopralluogo da parte di una delegazione trentina e altoatesina e successivamente partirà la colonna mobile per l’allestimento del campo, la cui gestione sarà affidata alle realtà competenti.

Sono 200 i posti di prima accoglienza predisposti in Trentino

Ad oggi hanno usufruito del servizio 104 persone, alle quali si aggiungeranno in serata altri 21 soggetti. Sono comunque molti i profughi ucraini che hanno trovato ospitalità in forma autonoma, pari a 420 unità.

Il sistema si sta peraltro preparando ad un eventuale aumento dei flussi, alla luce della prossima apertura di corridoi umanitari: la disponibilità offerta da enti pubblici e realtà private è di ulteriori 713 posti, attualmente al vaglio del sistema provinciale di accoglienza.

Dall’inizio dell’emergenza, presso gli uffici del Cinformi (che assieme alla Protezione civile ha assunto il coordinamento dell’operazione) si sono rivolte centinaia di persone - in particolare donne e bambini – per le quali è stato avviato il necessario percorso di regolarizzazione.

Va ricordato infatti che entro 48 ore dal proprio arrivo, i profughi devono provvedere alla propria identificazione e viene garantito loro il titolo di soggiorno temporaneo per motivi umanitari. Intercettati dal sistema sanitario, gli ucraini che raggiungono il territorio italiano eseguono il tampone per individuare eventuali positività al Covid, al quale segue la quarantena fiduciaria di 15 giorni. Finora tutte le persone ospitate in Trentino si stanno sottoponendo al ciclo vaccinale. Per quanto riguarda bambini e ragazzi in età scolare (60 i casi presenti), le scuole stanno organizzando i percorsi scolastici per l’inserimento.

Per quanto riguarda il trasporto del materiale (vestiario, cibo e farmaci) raccolto dalle associazioni ucraine e destinato sia ai profughi arrivati in Trentino, sia al confine con il Paese martoriato dalla guerra, il presidente Fugatti e l’assessore Segnana hanno garantito la disponibilità dei mezzi della Protezione civile: “Questo dovrà essere fatto sotto la regia della Protezione civile nazionale e del coordinamento europeo, al fine di garantire la sicurezza delle persone alla guida dei mezzi” ha evidenziato il presidente della Provincia.

comments powered by Disqus