Salta al contenuto principale

Si può governare galleggiando?

Tempo di lettura: 
2 minuti 42 secondi

Ha sempre più l’aria del calabrone, il governo italiano. Vola, ma è inspiegabile come faccia a restare in aria. È come se a Palazzo Chigi ci fosse appeso un grande cartello: non sparate sul pianista. Ma tutto il resto è degno dei Western nei quali il cartello l’abbiamo visto mille volte: colpi di qua, colpi di là, gente che spara, gente che viene colpita ma che si rialza come se niente fosse. A parole - salvo Renzi, che è di una disarmante trasparenza - tutti vogliono spargere colla su Conte affinché resti in piedi. La battuta migliore è forse quella di D’Alema, che resta un esperto mondiale di crisi (anche provocate da lui) e di governi cadenti (non solo guidati da lui): «Non si manda via l’uomo più popolare del Paese per fare un favore a quello più impopolare».

Non so se Matteo Renzi sia l’uomo più impopolare d’Italia. Agli occhi di D’Alema è tale fin da quando era in fasce, ma c’è il rischio, a forza di trattarlo come Pierino (e Renzi non fa nulla per non sembrarlo), che non lo si ascolti nemmeno quando è fra i pochi a vedere il lupo. Il lupo, come risulta evidente, non è solo la pandemia. È anche l’immobilismo, l’antica arte di governare per non scontentare nessuno.

Arte che alla distanza finisce per portare l’intero Paese, e non solo chi lo guida, in qualche secca. Quando lo si accusava di tirare a campare, Giulio Andreotti rispondeva che è sempre meglio che tirare le cuoia. Ma questa volta «tirare a campare» sembra il motto di un intero Parlamento tenuto insieme solo dalla paura di dover tornare a casa (con biglietto di sola andata) e dalla consapevolezza di non essere mai stato in grado di esprimere una maggioranza omogenea. Renzi - che è passato in un soffio da inscalfibile leader del futuro a comparsa un po’ patetica di uno spettacolo nel quale non c’è più spazio per lui - non è credibile. Perché nelle sue parole tutti vedono tatticismi ed equilibrismi non diversi da quelli portati avanti da famosi partiti dello zero virgola ai tempi del pentapartito: le sparo grosse così almeno mi mollano una caramella. Ma indica una serie di (veri) problemi, anche se tutti tendono a guardare solo il suo dito e a chiedersi cosa voglia ancora il ragazzaccio. E così si procede di penultimatum in penultimatum: facciamo la voce grossa, ma non così grossa da farlo cadere davvero, il governo.

Il che consente al sughero Conte - che ha tutto e niente da perdere, visto che un giorno è di nuovo professore e il giorno dopo il candidato di punta per il Quirinale - di galleggiare di giorno in giorno. Non so se l’avvocato degli italiani (definizione sua, un po’ superata dagli eventi mi sentirei di dire) sia l’uomo più popolare d’Italia e mi chiedo spesso se popolarità e stima o fiducia siano davvero dei sinonimi, ma so che cercare di arrivare alla fine della legislatura, con un Paese in ginocchio, col solo obiettivo di restare a galla, non può essere considerato un programma serio.

Dalle crisi si può uscire. Bisogna però prendere atto di ciò che le provoca. E persino le elezioni, a un certo punto, sono meglio di un estenuante temporeggiare.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy