Salta al contenuto principale

Questi 25 anni senza Alex Langer

Tempo di lettura: 
2 minuti 11 secondi

È un'assenza che pesa, quella di Alex Langer. Manca il profeta anomalo, in un certo senso fuori dal tempo: perché era troppo avanti quando sollevava certi temi; perché era troppo lontano quando quel frammento di terra chiamato Alto Adige cercava di lavorare sulle grandi questioni di una convivenza che in fondo non è ancora del tutto compiuta.

Oggi, a 25 anni dalla morte di Langer, tutti tendono a chiedersi cosa direbbe e cosa farebbe Alex, un uomo, un politico, un autentico e intransigente ambientalista, un pacifista, un intellettuale che è pieno di eredi, cosa di cui forse sorriderebbe molto, considerato che è sempre stato un solitario. Anomalo persino nel suo essere leader. Anomalo, controverso e struggente anche nella sua tragica uscita di scena.

Nel suo carattere, nel suo darsi interamente al suo impegno, ai suoi ideali, restano i segni di una politica nobile - fatta di valori e di continua testimonianza - che forse non c'è più. Se fosse vivo, probabilmente non avrebbe un ruolo o un incarico. Troppo stretti, per lui, gli abiti e i modi dei politici di oggi. Forse avrebbe un ruolo internazionale altro e lontano: un incarico nel mondo della solidarietà internazionale. Ma, per quanto possa sembrare paradossale, la sua voce è quasi più forte nell'assenza, le sue parole sono fuoco vivo proprio perché lui, 25 anni fa, ha deciso di spegnerlo, quel fuoco: il suo addio alla vita, alla politica, a una storia che è rimasta incompiuta, l'hanno reso immortale e ancor più enigmatico. Marco Boato, a lungo suo compagno di viaggio, ha scritto sul nostro giornale nei giorni scorsi che le parole che Langer dedicò a Petra Kelly si possono considerare autobiografiche.

Rileggiamo quel passaggio dedicato alla morte tragica della leader dei verdi tedeschi. Perché è una sorta di testamento morale. Un messaggio da un mondo che non c'è più o che non c'è ancora. Parole che arrivano da una nicchia culturale e intellettuale ancor prima che politica, nicchia a Langer cara da sempre, perché era cocciutamente innamorato delle minoranze, delle cause perse, delle battaglie impossibili, dei più deboli, dei vinti: «Forse è troppo arduo essere individualmente portatori di speranza: troppe le attese che ci si sente addosso, troppe le inadempienze e le delusioni che inevitabilmente si accumulano, troppe le invidie e le gelosie di cui si diventa oggetto, troppo grande il carico di amore per l'umanità e di amori umani che si intrecciano e non si risolvono, troppa la distanza da ciò che si proclama e ciò che si riesce a compiere».

Un autoritratto: parole che fanno impressione per la loro attualità. Ma i proclami (e i profeti) mancano, come i sogni. Anche quando restano spezzati. E non sbiadiscono. Nemmeno 25 anni dopo.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy