Salta al contenuto principale

Caro ministro Boccia,

serve chiarezza

Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

Caro ministro Boccia, lei oggi arriva in una Trento che non è ancora riuscita ad inquadrarla. Un po’ perché non s’è ancora ben capito dove voglia andare il “suo” governo e che disegno abbia non solo sull’autonomia (tema a noi tutti caro per evidenti motivi), ma anche su molti altri argomenti nazionali e internazionali. Diciamocelo: il collante che vi tiene insieme sembra ancora, per paradosso, Salvini. Ma evitare che il capitano arrivi o torni in zona Palazzo Chigi - benché sia un timore di un importante pezzo del Paese - non è esattamente un programma di governo. L’altra ragione per cui si fatica ad inquadrarla, caro ministro Boccia, riguarda invece proprio quell’autonomia che lei - forse guardando a quello che è accaduto in altre terre autonome a lei più vicine - non sembra considerare un fiore all’occhiello. Qui, alcune sue dichiarazioni hanno fatto pensare a una sorta di omologazione. La sua non è e non può dunque essere solo una  visita di cortesia, un classico momento istituzionale in tutto simile ai tanti che ci sono nella sua agenda: due strette di mano e via. Questa lunga storia d’autogoverno merita chiarezza: Trento e Bolzano s’aspettano risposte (e tutele) precise.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy