Salta al contenuto principale

Il buon Maurizio e il cattivo Fugatti

Tempo di lettura: 
2 minuti 15 secondi

Ormai è una certezza: ci sono due Fugatti. Il presidente buono e il presidente cattivo. Ovviamente i due sono intercambiabili. A seconda dei momenti e, soprattutto, delle dichiarazioni del governatore. Chi non è leghista ama ad esempio il primo: quello democristiano, che quando dice una cosa ad alta voce poi quasi sempre si pente; quello inclusivo, che cerca di ascoltare tutti e che cerca classe dirigente anche in praterie fino a ieri bazzicate da altri partiti.

I leghisti amano di più (e considerano buono) il secondo: quello che rifiuta un milione di euro per l’inserimento dei richiedenti asilo e che non si preoccupa dei posti di lavoro che verranno meno in virtù di questa decisione; quello che attacca il nuovo ministro delle regioni Boccia anche se non ha ancora rilasciato dichiarazioni degne di nota, se non per riconoscere il ruolo di territori come il nostro; quello che dice che ai trentini che sono nelle case di riposo non piace avere accanto persone di colore.

Il presidente Maurizio è istituzionale: governa e sa benissimo che deve esser pragmatico. Alla festa dell’autonomia solleva la «questione trentina», riproponendo un tema antico, che non scalda i cuori ma che è però fondamentale. Parlare di questione trentina significa infatti  evocare la questione altoatesina e affermare, al contempo, la propria diversità, ma anche il proprio ruolo in seno a un disegno più grande, che riguarda la Regione, l’autonomia, i rapporti con lo Stato, la nostra storia che resta una sola e che non va snaturata, anche se si inserisce necessariamente in un contesto più ampio. In Alto Adige - ha detto nel forum che abbiamo ospitato al giornale - ci sono problemi diversi, che partono prima di tutto dalla lingua e dai problemi etnici, ma anche noi eravamo autonomi ben prima che quest’autonomia venisse riconosciuta e rivendichiamo la nostra diversità.

Fugatti è invece leghista («Sulla mia tessera c’è scritto 1993 e qualcosa vorrà pur dire») e quando va da Salvini a Pinzolo tira fuori artigli impensabili. Per dire che il nuovo governo non è amico delle autonomie e per esibire una faccia dura, prossima al razzismo, che non gli appartiene. E a chi cerca di fargli notare che il Trentino, anche quando vota Lega, resta una terra solidale, piena di volontari (sì, volontari proprio come i richiedenti asilo che cercano di inserirsi e di dare una mano), Fugatti dice che dovrebbe girare di più nel territorio, dove si sente una certa esasperazione.  

Esasperazione che il governatore Maurizio non può però certo cavalcare: perché si ritorcerebbe contro la Provincia, contro l’anima profonda di un Trentino che ha avvertito e condiviso l’aria del cambiamento, ma che resta cattolico, attento a certi valori, a certi atteggiamenti. Quale sarà il vero presidente?

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy