Salta al contenuto principale

Ma ora all'Italia serve un governo

Tempo di lettura: 
2 minuti 22 secondi

La sindrome non ha un nome preciso. Non penso però che si tratti di poltronite. Chi è molto attaccato allo scranno ovviamente c’è. E non è solo una questione di stipendio, visto che le persone serie, per avere uno stipendio, non hanno bisogno della politica, che anzi oggi è vista purtroppo come qualcosa di deteriore, da cui star lontani.

Siamo dunque di fronte a una cosa più complessa, che fa sì che ciò che è evidente da fuori (nel Paese reale) diventa incomprensibile da dentro (il Palazzo). A chi è fuori dalle sfarzose stanze romane risultano infatti chiare due cose: che l’Italia ha bisogno di un governo e che il governo uscente - come molti che l’hanno preceduto - ha fallito.

Due, dunque, le strade: cercare una soluzione per ridare una guida al Paese, ripartendo inevitabilmente dai risultati del voto del 4 marzo e certo non da sondaggi immaginifici, e puntare su una sorta di governo di salute pubblica. Governo che non può che nascere su due radici definite: la sostanziale discontinuità rispetto al governo che è appena caduto e la necessità di dar vita a una squadra autorevole. Tradotto: se i partiti che formano la coalizione si giocano alcuni dei loro pezzi pregiati, il governo ha qualche chance di durare; se invece si guardano bene dall’impegnare nella partita i gioielli di famiglia, il segnale è già chiaro: si va a casa presto. In tal caso, meglio andare a votare subito. Detto fra noi, sembra averlo capito solo il presidente della Repubblica, che non a caso, seppur in garbati modi mattarellesi, ha alzato la voce.

Ma tutto questo, dal Parlamento, evidentemente non si vede. Diversamente, il Pd - benché non sia esattamente una novità - non si spaccherebbe e il Movimento 5stelle non avrebbe linee e idee ogni giorno diverse. Non ci sono altre alleanze possibili, se si vuole evitare il voto. Questo non può essere il tempo dei veti, degli egoismi politici e delle velenose rivincite. Dev’essere il tempo degli impegni, dei patti. O, se preferite, dei tanti rospi (e delle tante offese) da ingoiare. Per un bene superiore, però: l’Italia e gli italiani non possono venire dopo il mal di pancia dei singoli. E non è più nobile il mal di pancia di Di Maio rispetto a quello di Renzi, quello di Zingaretti rispetto a quello di Di Battista o quello di Conte rispetto a quello di Salvini, che prima ruba il pallone e che poi si ripresenta in campo per giocare come se niente fosse.

Normale che in una trattativa si chieda tutto per poi portare a casa qualcosa. E ovvio che i due possibili sposi tendano a voler organizzare il matrimonio a modo loro. Ma sulle ceneri dell’odierna politica non può che nascere un governo del compromesso. Solo una cosa non abbiamo: tempo da perdere. Ma anche questo, ai leader di partito, sembra sfuggire.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy