Salta al contenuto principale

Le nostre mascherine realizzate in casa

Tempo di lettura: 
2 minuti 37 secondi

A spettiamo con trepidazione le mascherine: i bambini hanno sentito che ci sarà una distribuzione sul territorio da parte dei vigili del fuoco. La notizia è particolarmente eccitante.

I pompieri occupano da anni un posto sul podio personale degli eroi di Luciano, insieme agli agenti di polizia e al paladino Orlando. Mio figlio continua a fantasticare sul fiammante camion rosso che si fermerà proprio qui, davanti al cancello, ed esce sul balcone ogni quarto d'ora per monitorare la stradina d'accesso. Si potrebbe obiettare che i bambini non devono andare da nessuna parte, e quindi le mascherine a loro non servono. Ma il fatto di essere rimasto chiuso in casa nelle ultime cinque settimane non suscita in Luciano nessun dubbio; lui la mascherina la vuole e basta.

Caterina e Silvia, nel frattempo, si sono fatte una cultura: conoscono la differenza fra mascherine "altruiste", mascherine "intelligenti" e mascherine "egoiste". Discutono di valvole e tessuti con la dimestichezza dell'esperto. Scalpitano per poter avere una foto da spedire ai nonni, ma cercano di non darlo a vedere: nel loro codice di comportamento di sorelle maggiori è fondamentale distinguersi dal fratellino.

Anche i parenti contribuiscono a creare dibattito sul tema: mia zia, che ha l'istinto della fashion blogger, in questi giorni continua a inviare selfie con foulard di ogni colore che le coprono la testa e il viso, lasciando liberi solo gli occhi. Per difendersi dal Coronavirus la zia preferisce il metodo tuareg. Sui profili social degli amici compaiono foto con pollici in alto e mascherina. Indossarla per molte ore non dev'essere esattamente piacevole - le immagini del personale sanitario con i segni sul viso lo dimostrano - ma di solito evito di farlo notare. Dunque, in attesa che un alato camion rosso venga a farci visita, oggi la mia sfida di madre in quarantena è contenere l'eccitazione del piccolo.

Ci vuole un surrogato. Mi armo di tablet e cerco su internet: "come produrre una mascherina in casa". Non ho la minima manualità con ago e filo: in genere mi affido a mia madre anche per attaccare un bottone; in tempi di clausura non si può, e quindi giriamo per casa con i vestiti tristemente mezzi aperti. So bene che una mascherina prodotta da me non avrà nessun valore protettivo, anche ammesso (e non concesso) che i tutorial in rete siano validi.

Ma tant'è, a noi basta l'idea per il lavoretto di oggi. Dopo lunga ricerca trovo un suggerimento all'altezza delle mie capacità e dei materiali che ho: mascherina con carta da forno; in casa ce n'è sempre, perché la uso per riscaldare le pietanze surgelate con le quali nutro la famiglia. A questo punto non facciamo altro che piegare il foglio a fisarmonica, metterlo davanti al viso e attaccarlo alle orecchie con due elastici. Il gioco è fatto. Probabilmente la mascherina non serve a nulla, se non a sudare tremendamente. Non è un problema: nell'ultimo mese i bambini non sono mai usciti, se non per andare nel giardino di casa, e temo che il programma sia lo stesso anche per le prossime settimane. Luciano è tutto contento, indossa il suo ritaglio di carta da forno e corre sul balcone ad aspettare i vigili del fuoco.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy