Salta al contenuto principale

Ina Ina: il tour italiano della band di Trento stanziata a Londra incomincia dalla Bookique

Il quartetto nato dalle ceneri degli Exercoma torna a suonare nella sua terra in un live aperto dal set live degli Hi Fi Gloom

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 51 secondi

Sotto la vecchia sigla di Exercoma nel giro di un paio d’anni, avevano imposto il loro sound sulla scena trentina per decidere poi di cercare la loro dimensione artistica all’estero. Loro sono gli Ina Ina protagonisti della serata di venerdì 1 novembre, alle 21, nello spazio della Bookique, di un live diviso con gli Hi Fi Gloom, per quella che è la prima data del loro tour italiano. Gli Ina Ina, che amano definirsi un vero e proprio “collettivo”, sono nati a Trento, appunto sotto le forme di Exercoma, cresciuti a Berlino e ora stanziati a Londra.

L’obbiettivo di Tommaso Lapiana , Alessandro Beso, Davide Berghi e Michelangelo de Cia é quello di fare tutto nella piú totale auto produzione, da quella musicale al video editing. Il loro show comprende varie forme d'arte ma la musica, fra elettronica e rock, è il fill rouge delle tante componenti espressive che portano ad una vera e propria esperienza sensoriale, dai visuals proiettati, al racconto dei testi. La volontà, come si comprenderà bene alla Bookique, è di coinvolgere gli spettatori nel mondo creato durante il live superando le canoniche divisioni fra palco e platea.

 

“Non vediamo l’ora di cominciare questo tour - racconta all’Adige Tommaso Lapiana -  che è anche il primo ufficiale per noi. L’idea di poter portare la nostra musica in giro per l’Italia ci elettrizza. Passeremo per Genova, Milano, Bologna, Vicenza, Roma e ci spingeremo fino a Napoli. Abbiamo particolarmente a cuore la data di Trento, e abbiamo infatti deciso di cominciare il tour proprio da qui, da casa>.

Gli Ina Ina non suonano nella loro terra da due anni: <Dal nostro ultimo live a Trento sono successe tantissime cose e non vediamo l’ora di far sentire alla nostra città come si è evoluto il nostro sound. La parentesi berlinese ci aveva permesso di esplorare la nostra vena più elettronica ma da quando ci siamo trasferiti a Londra abbiamo riscoperto il lato più suonato e “sporco” della nostra musica. Siamo molto soddisfatti dello show che abbiamo messo in piedi, le canzoni sono varie e spaziano tra sonorità spesso contrastanti, ma che si mescolano alla perfezione grazie ai visual proiettati su di noi per tuttala performance>.

 

La scaletta degli Ina Ina includerà i tre singoli che hanno pubblicato  quest' anno , leggasi Desert, Iood e Cacao, qualche pezzo inedito e una serie di cover tra cui la loro versione di “Ho visto Nina volare” di Fabrizio De André che nonostante l’ abuso di autotune rimane su Spotify uno dei loro pezzi più apprezzati. Dopo le date italiane gli Ina Ina torneranno a Londra per preparare al meglio un tour invernale che li porterà per un’altra decina di giorni in giro per tutta l’Inghilterra, da Brighton fino a Manchester.

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy