Salta al contenuto principale

Un replay dell'incendio

al rifugio Tonini

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 44 secondi

Un incendio ad una struttura in alta montagna, lontano da strade percorribili con i mezzi di soccorso; una ricerca e soccorso a persona, scappata dalle fiamme; un incendio che ha iniziato a svilupparsi nel bosco circostante: un pauroso mix di emergenze che ieri per tutta la mattina ha tenuto impegnati 110 vigili del fuoco volontari dei 13 corpi del distretto dell’Alta Valsugana, a Malga Cambroncoi, sotto la cima Costalta al passo Redebus, che divide il pinetano dalla Valle dei Mocheni.

Fortunatamente, si trattava solo della grande manovra, organizzata a livello di distretto appunto, che serviva per testare la reazione degli uomini ed il coordinamento fra i vari corpi in questo scenario, molto simile a quanto successo tre anni fa al rifugio Tonini, neanche tanto distante in linea d’aria dal punto prescelto per l’esercitazione. A coordinare uomini e mezzi, c’era l’ispettore Mauro Oberosler.

Per la verità, qualche turista e qualche avventore della montagna, quando ieri mattina si è trovato davanti una processione di vigili del fuoco che saliva su per la stretta strada che porta alla malga, si è anche impaurito e preoccupato, ma tutto si è risolto che le rassicurazioni dei presenti: sul luogo della manovra infatti si era radunato un grande capannello di curiosi e di amici dei vigili del fuoco.

Al termine delle operazioni infatti era previsto un lauto pranzo per tutti ed il briefing conclusivo.
A dar man forte alle operazioni, anche l’elicottero dei vigili del fuoco permanenti: la manovra infatti ricostruiva un’emergenza in quota, senza vie di comunicazioni stradali percorribili (anche se malga Cambroncoi è raggiungibile via strada). L’elicottero ha portato materiali, uomini ed attrezzature nei pressi della malga: li è stato predisposto il grande vascone per la raccolta dell’acqua, che veniva portata dallo stesso velivolo dopo averla prelevata a Malga Pec, qualche chilometro più a valle.

I vigili del fuoco sono quindi dapprima entrati nella struttura, avvolta dal fumo, grazie all’utilizzo degli autoprotettori, e poi sono saliti sul tetto, per la verifica e la bonifica della copertura. Poco dopo, sono partite le fiamme (questa volta vere, ma circoscritte e tenute sempre sotto controllo) a simulare un incendio boschivo. Spento anche il rogo, molte squadre sono quindi partite alla volta dei boschi per la ricerca della persona dispersa da soccorrere.
«In quota i normali protocolli decadono e siamo in una situazione di vera emergenza - ha commentato l’ispettore Oberosler - con il ritardo dell’intervento a causa delle difficoltà di raggiungere l’obiettivo. Il sistema va in crisi e le operazioni sono rallentate. Da qui l’idea di operare anche con l’elicottero, per imparare a lavorare con questa presenza. Questa manovra è servita per migliorare ulteriormente e magari anche per avere una protocollo da utilizzare in futuro, in caso di bisogno. Tutto è migliorabile ancora, ne riparleremo più avanti».

Soddisfatto dell’operazione anche Gabriele Pilzer, ingegnere del corpo permanente dei vigili del fuoco di Trento: «La manovra può sembrare una forzatura, un fatto che non accadrà mai. Viviamo però in una regione montuosa, con l’incendio che può scoppiare anche a quote elevate. In questo frangente, operazioni che prese singolarmente sono semplici diventano molto più complesse da coordinare, una svista può causare perdite importanti di tempo. La comunicazione e l’organizzazione, la catena di comando in questi casi diventa di fondamentale importanza».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy