Salta al contenuto principale

Roncegno, fervono i lavori

diciotto cantieri aperti

e milioni di investimento

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 38 secondi

Un investimento che si aggira sui 9 milioni di euro. Dieci opere pubbliche avviate nei primi quattro mesi, altri otto cantieri in via di ultimazione o prossimi ad essere appaltati. Quanto sta succedendo a Roncegno è sotto gli occhi di tutti e il lavoro, per l’assessore e vicesindaco Corrado Giovannini, davvero non manca. A partire dagli otto cantieri di somma urgenza per la messa in sicurezza della viabilità comunale (oltre 800 mila euro) compromessa dagli eventi calamitosi verificatesi a fine ottobre scorso.
«Non ci sono solo le strade che portano ai masi di montagna da sistemare. A monte di Maso Salcheri - ricorda Giovannini - la scarpata a valle della sede stradale ha ceduto, portando all’evacuazione di alcune abitazioni. Ora il versante è in sicurezza con la realizzazione di una coltre di micropali e di un cordolo in cemento armato, la posa in opera di una barriera stradale e la realizzazione di una rete di drenaggio e smaltimento delle acque superficiali e di scorrimento».
Proseguono i lavori di ripristino della strada comunale sul torrente Larganza in località Fonti e la ricostruzione del guado letteralmente spazzato via dalla furia delle acque: a breve saranno ultimati anche i lavori per la messa in sicurezza della strada in località Tesobbo, di quella di accesso a Maso Aria e di ripristino della viabilità in località Fraineri. «Da pochi giorni è stato aperto il cantiere per i lavori di recupero del versante a monte della strada comunale Fodra - Cinque Valli in località Reto e, compatibilmente con le tempistiche di esecuzione di altre opere iniziate sullo stesso tratto, inizieranno anche gli interventi di messa in sicurezza della strada comunale in località Canè e la sistemazione della strada di accesso a Maso Albio». Da quasi due mesi è stato aperto il cantiere per il rinforzo delle spalle del ponte sul rio Stumbolt e proprio qualche giorno fa è stato ultimato il nuovo ponte di accesso a Maso Rozzati, sul torrente Chiavona.
«A Roncegno paese, nel mese di giugno partiranno i lavori del secondo lotto per l’ampliamento e l’adeguamento del polo scolastico (oltre 4 milioni), proseguono gli interventi per la messa in sicurezza del sito ex Cava Monte Zaccon a Marter (circa 2 milioni) - rimarca Giovannini - e sono iniziati i lavori del nuovo tratto di marciapiede lungo il viale Giovanni Froner, un percorso pedonale che metterà in sicurezza il collegamento tra piazza Montebello e viale Cesare Battist».
Altri 440 mila sono stati investiti per la ristrutturazione di alcuni tratti dell’acquedotto comunale a servizio dell’abitato di Roncegno, lavori iniziati in aprile, e 318 mila euro per interventi urgenti alla rete idrica a servizio della frazione di Marter. È stata messa in sicurezza anche la viabilità sul ponte in località Zaccon, sempre nella frazione, e proprio in questi giorni sono stati appaltati, per 50 mila euro, i lavori del nuovo tratto di marciapiede in via Nazionale a Marter che partiranno a fine del mese. Gli uffici comunali, infine, hanno indetto due ulteriori bandi: si tratta dei lavori di messa in sicurezza delle strade comunali di accesso a Maso Cofleri e a Maso Scalvin (costo previsto circa 172.000 euro) e del recupero e valorizzazione della colonia Malga Trenca per un importo complessivo di 305.000 euro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy