Salta al contenuto principale

La Valsugana a quattro corsie

non entusiasma i sindaci

Le reazioni di quattro primi cittadini al proposito di Fugatti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 29 secondi
Il neo presidente Maurizio Fugatti è stato chiaro: nel suo discorso programmatico ha messo tra le priorità, se non come priorità, del proprio governo la viabilità in Valsugana. Tradotto, sì alla Valdastico, con uscita a Rovereto sud, e sì alle quattro corsie sulla Ss47 dove mancano e nelle tratte più soggette a incidenti, ovvero a Ospedaletto, tra Levico e Pergine e tra Levico e Novaledo. 
Tematiche di cui si parla da decenni in Trentino e affrontate, ma non risolte, anche dai governi precedenti. Se a livello provinciale le critiche maggiori sui due obiettivi sono state date in chiave «regalo al Veneto», a livello territoriale non mancano le perplessità. I quattro sindaci della zona coinvolti più direttamente, infatti, non bocciano in toto Fugatti, ma nemmeno applaudono. La questione, dicono infatti, va affrontata in maniera più organica e le due soluzioni proposte dalla Lega non possono andare bene: sia la Valdastico sia la Valsugana a quattro corsie, infatti, non risolverebbero i problemi. 
«Sono favorevole alla Valdastico - esordisce il sindaco di Pergine Roberto Oss Emer - e per quanto riguarda l’uscita veda la Provincia in base a dati, numeri e costi. Ma la sua realizzazione dovrebbe implicare una sorta di obbligo a dirottare lì i mezzi pesanti. Altrimenti i camion tra un’autostrada a pagamento e una a quattro corsie ma gratuita cosa sceglierebbero? Oppure ci vuole un pedaggio anche sulla Valsugana, perché raddoppiando le corsie verrebbe utilizzata ancora di più. Poi è evidente che la Ss47 vada messa in sicurezza soprattutto in alcuni tratti». 
Chi dice no alla Valdastico è invece il sindaco di Caldonazzo Giorgio Schmidt. «Non ne vediamo l’utilità, sia con l’uscita nella nostra zona sia a Rovereto. Le quattro corsie? Quindi diventerebbe un’autostrada senza pedaggio, utile solo per il turismo mordi e fuggi, che è esattamente quello che non vogliamo. In zona laghi la strada andrebbe spostata, ma non con il tunnel di Tenna: c’è spazio per ridurre le curve con brevi gallerie, allontanando i camion dal lago, che sono potenzialmente pericolosissimi, perché un’uscita di strada di un tir di gasolio provocherebbe un danno ambientale incredibile. Il punto, a parte i proclami politici, è che il 90% del traffico in Valsugana lo facciamo noi trentini. I passaggi a Grigno sono di circa 5.000 mezzi al giorno, a Pergine sono 40.000: si tratta di gente che va a Trento a studiare e lavorare, con una macchina e una persona a bordo. E per loro possono esserci anche sei corsie ma traffico e incidenti ci sarebbero comunque. Inoltre più avanti si va più quei numeri sono destinati a crescere, perché tra Pergine, Levico e Caldonazzo si continuano a costruire case e tante persone si trasferiscono». 
Per i pendolari la soluzione è una sola: dare delle alternative all’uso della macchina. 
«Bisogna pensare seriamente alla mobilità su rotaia: non più il trenino folklorisco e turistico che c’è ora, ma collegamenti veloci ogni dieci minuti con la città. Guardiamo all’Austria: a Innsbruck c’è sempre un grande traffico, ma non pensano ad aggiungere strade o ad allargare, quanto a ridurre dando alternative, bloccando il traffico di giorno, chiudendo strade». 
Infine un auspicio, un appello al nuovo governatore. «Vorremmo essere più coinvolti, con tavoli e incontri: la giunta precedente non ci ha mai interpellato e abbiamo visto solo dei progetti fatti e finiti. In questo impariamo dall’Alto Adige, che sul tunnel del Brennero ha parlato e interpellato le comunità locali. Quindi sediamoci insieme, così Fugatti ci spiegherà dati, numeri, esigenze e costi: altrimenti dire sì a Valdastico e sì alle quattro corsie è più un libro dei sogni che una realtà». 
Sulla stessa lunghezza d’onda il sindaco di Borgo Enrico Galvan: «Ci vuole un confronto per capire cosa sia attuale e perché: non solo teoria, ma pratica, con certezze sulle prospettive, altrimenti è solo campagna elettorale. Ragionare sulla Valsugana è indispensabile, non si può più rinviare. Entrando nel merito io sono da sempre favorevole alla Valdastico, che avrebbe un senso solo con l’immissione sulla Brennero-Modena, e quindi con l’uscita a Rovereto sud, per smaltire il traffico pesante. Sulle quattro corsie ci vuole un progetto complessivo, che dipende anche dalla Valdastico, per capire come il Veneto scaricherà il traffico sul Trentino: le due opere vanno ragionate insieme, partendo da dati concreti e numeri, lasciando da parte la politica».
«Se il presidente dice così - esordisce Ruggero Felicetti, sindaco di Ospedaletto - ne prendiamo atto: ma come dice il proverbio tra il dire e il fare... Diciamo che voglio esprimermi su progetti e non su proclami: della Valdastico si parla da 40 anni, con uscite a Trento, Rovereto, Besenello o Caldonazzo. Sulle 4 corsie voglio vedere un approfondimento, una carta prima di dire sì o no. Una cosa chiara la dico quindi sull’unica cosa concreta, ovvero sui lavori in essere sulla retta di 7 chilometri, di cui tra l’altro solo 3 nel mio comune, gli altri a Grigno e Villa Agnedo: l’allargamento parziale da sette a otto metri e mezzo senza spartitraffico non va bene e non basta. E le barriere stradali ai lati sono pericolose. Spero la Provincia riesca a correggere in corsa perché così non è una messa in sicurezza». 
Infine l’attacco del Patt, per voce della segretaria di Pergine Roberta Bergamo: «Quelle di Fugatti sono scelte propagandistiche e autoritarie: non analizza costi e benefici, non parla di numeri e soldi. I cittadini della Valsugana vogliono sapere».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy