Salta al contenuto principale

Bernardino Zanetti, un'Ave Maria

"benedetta" da Ennio Morricone

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 14 secondi
Alle spalle 25 anni di direzione bandistica. Per quasi tre lustri si è esibito con il quintetto a fiati Aeolus e ha vinto due medaglie d’oro, da strumentista, suonando come primo fagotto con la Rovereto Wind Orchestra al concorso mondiale di Kerkrade in Olanda nel 2013 e nel 2017.
Maestro, strumentista, direttore di banda e di coro. Ma il 2018, per Bernardino Zanetti, è stato un anno indimenticabile.
A partire dal premio, che vale una carriera, che lo ha portato alla corte di Ennio Morricone con il riconoscimento di livello internazionale del premio speciale al 5° «International Competition of Choral Composition Ennio Morricone 2018».
Si tratta di uno dei più importanti concorsi di composizione per coro a livello mondiale che si svolge a Firenze. La giuria è presieduta proprio dal maestro Ennio Morricone, figura chiave della musica internazionale, autore di colonne sonore tra le più significative e di successo di tutti i tempi.
Bernardino Zanetti è risultato l’unico musicista italiano premiato, insieme adAlexandre Jamar dè Bolsee (Belgio), Fidel Calalang (Filippine) ed Elizabeth Ekholm (Canada). 
Il premio lo ha ricevuto presentando un’Ave Maria di notevole difficoltà esecutiva e interpretativa, su testo latino per doppio coro misto a otto voci con interventi solistici per soprano, contralto, tenore e basso, nella forma «a cappella».
Maestro di musica a Telve, dove insegna alla scuola media «Don Milani», ha accompagnato la crescita della formazione musicale di tanti ragazzi, diventando, grazie alla banda folkloristica di Telve che dirige, un riferimento importante, per le famiglie, di buona educazione alla relazione gioiosa coniugata alla voglia di suonare in sana compagnia.
«È il mio più grande risultato - ci racconta - reso ancora più importante dal fatto che non avevo mai scritto una composizione per coro». 
In questo fine settimana la sua Ave Maria per doppio coro misto e solisti sarà eseguita in prima assoluta dal coro polifonico Castelbarco, diretto dal maestro Luigi Azzolini, nell’ambito dei concerti previsti per le celebrazioni del 120° anniversario di fondazione della Cassa Rurale della Vallagarina, insieme al Requiem di Bob Chilcott e le musiche di Vasks, Mazza e Donati.
Due i concerti in programma: domani ad Avio, alle 20.30 nella chiesa Santa Maria e domenica 11 a Rovereto in San Marco alle 17. Una grande soddisfazione per Bernardino Zanetti, un doppio riconoscimento (il primo speciale e l’esecuzione dal vivo della sia Ave Maria) per una intera vita dedicata alla passione della musica e dell’insegnamento musicale.
Ma anche un motivo di orgoglio per l’intera comunità «telvata», soprattutto per il fatto che, come ha dimostrato Bernardino Zanetti, la passione, la caparbietà, l’impegno e l’umiltà del fare quotidiano possono, anche nei paesi di montagna, far nascere professionisti che il mondo musicale, come in questo caso, riconosce come «grandi».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy