Salta al contenuto principale

L'esercito del candidati della Valsugana

In 34 sognano il Consiglio Provinciale

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 50 secondi
Nel 2013 i candidati di valle erano 36. Quest’anno sono in 34 a contendersi un «posto al sole» in consiglio provinciale alle prossime elezioni del 21 ottobre. 
Il candidato presidente del centrodestra Maurizio Fugatti, in Valsugana (da Levico a Grigno) e Tesino ha davvero pescato a man bassa: con la sua coalizione a tradizione leghista le liste di riferimento (ben nove) hanno messo in campo 21 candidati. Ma non è Lega Nord la più rappresentata, e questa è già una novità.
Il sostegno più pesante arriva dalla lista messa in campo da Walter Kaswalder, quella degli «Autonomisti Popolari per l’Europa dei Popoli e delle Regioni»: sei i candidati, tre dei quali (Graziella Menato, Roberto Martini e Otto Dallemule) in rappresentanza della conca del Tesino. 
Con loro anche Tommaso Acler, consigliere di minoranza a Levico Terme, Daniela Lovato di Roncegno (ex consigliera comunale) e Nicola Scoz Casagranda di Ronchi. 
Gli adepti di Matteo Salvini si fermano a cinque: il Carroccio schiera in lista con la deputata Stefania Segnana di Borgo anche il Segretario della Lega in Valsugana, l’assicuratore di Novaledo Roberto Paccher, l’ex parlamentare Enzo «Obelix» Boso e Martina Loss di Pieve Tesino e Danilo Perin, consigliere di minoranza di Ospedaletto.
Tre i candidati presenti nella lista di «Agire per il Trentino»: oltre a Claudio Cia, borghigiano di nascita ma trentino d’adozione, anche altri due rappresentanti del capoluogo della Bassa Valsugana: l’ex assessore comunale Rinaldo Stroppa e Loretta Capri.
Fugatti, nella sua corsa allo scranno di piazza Dante, è appoggiato anche dalla lista «Civica Trentina», rappresentata in zona dall’ex primo cittadino di Borgo Fabio Dalledonne, sicuramente uno dei candidati più «pesanti». Al suo fianco due donne: Nicoleta Corinna Duncan e Zulejka Sandri di Castelnuovo. 
Danno il loro apporto alla coalizione del centro destra anche i candidati locali di «Progetto Trentino», lista che ha in Silvano Grisenti il suo politico di riferimento: sono Fiorella Ferretti di Grigno e l’ex sindaco di Bieno  Mario Giorgio Tognolli. Arriva da Torcegno, invece, l’unica candidata di zona per «Forza Italia»: Cinzia Oss. 
In Bassa Valsugana e Tesino sono invece solo quattro i candidati che sostengono la corsa alla presidenza di Giorgio Tonini e del centro sinistra: Giacomo Pasquazzo, assessore comunale a Castel Ivano (nella lista del Pd), Enrico Capraro di Pieve Tesino, Annalisa Caumo di Borgo e Gianpiero Passamani per l’Upt. Nessun candidato della Valsugana per la lista «Futura 2018».
La galassia autonomista, quella rappresentata dal Patt, cerca voti in valle con i due candidati Terry Biasion (Tesino) e Carlo Ganarin (ex sindaco di Ronchi ed ex vicepresidente della Comunità di Valle). 
Ha origine borghigiane anche Lorenzo Leoni, candidato nella lista del Movimento Cinque Stelle, con Rosangela Peruzzo, residente a Borgo, presente tra i candidati della lista «Autonomia Dinamica». 
Roberto De Laurentiis con la sua lista «Tre» punta su Alessio Costa, nato a Borgo, per recuperare un po’ di voti in valle, mentre Paolo Offer di Novaledo si presenta nella lista di «Liberi e Uguali» che sostiene Antonella Valer alla presidenza. 
Tra i candidati della seconda lista a sostegno di Valer, che si chiama «L’Altro Trentino a Sinistra» da segnalare la presenza di Paola Comin, residente a Torcegno.
Infine, due sono con Casapound (Daniele Stefani di Grigno e Carlo Andrei di Castel Ivano) mentre Milena Brendolise, originaria di Borgo è nella lista che appoggia la corsa a presidente della Provincia di Paolo Primon.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy