Salta al contenuto principale

Atti osceni a Caldonazzo

Due episodi in pochi giorni

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 25 secondi

Gli episodi sono avvenuti a distanza di pochi giorni, nonostante l'attenzione sia sempre alta da parte dei genitori e dei carabinieri: sulla spiaggia di Caldonazzo due uomini si sono calati i pantaloni in presenza di minori. L'ultimo «caso» è accaduto qualche giorno fa all'interno della nuova struttura che ospita docce e toilette, nella spiaggia vicino al Kinderdorf, dove c'è il bar Spiaggia Libera Moyra: un uomo è stato visto praticare atti osceni vicino al passaggio che separa il bagno degli uomini dall'area dei servizi delle donne e, quando ha visto entrare una mamma con il bimbo, non ha neppure provato a nascondersi. Subito è stato dato l'allarme. L'uomo, senza fretta e come se non fosse accaduto nulla di strano, è stato poi visto uscire dalla struttura e incamminarsi verso località Brenta. Inseguito da alcune persone, si è allontanato verso il parcheggio. I carabinieri, subito informati, stanno conducendo le indagini. 

Il reato di atti osceni in luogo pubblico è stato depenalizzato (c'è una sanzione amministrativa che va da 5mila euro ad un massimo di 30mila), ma si rischia comunque la reclusione: se si commette il fatto «all'interno o nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori o se da ciò deriva il pericolo che essi vi assistano» sono previsti da 4 mesi a 4 anni e sei mesi di carcere. 

Un episodio analogo era stato segnalato qualche giorno prima, nella stessa parte di spiaggia: ad abbassarsi i pantaloni nelle vicinanze del Kinderdorf, e dunque in un luogo in cui ci sono bimbi, sarebbe stato un individuo in moto. Lo hanno raccontato alcuni testimoni. In questo caso l'assenza di elementi precisi, ad esempio il numero di targa del mezzo, rende gli accertamenti più complessi. I carabinieri hanno aumentato i controlli in zona.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?