Salta al contenuto principale

Si schianta con lo scooter

La vittima è Eros Cescatti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 45 secondi

Si è consumata un'altra tragedia della strada nel tardo pomeriggio di ieri al Mossano, località tristemente nota per gli incidenti sulla strada provinciale 90 della destra Adige, a Isera. Eros Cescatti , 48enne di Tierno di Mori, ha perso la vita uscendo di strada con il suo scooter «Yamaha 125» ed è andato a sbattere violentemente contro uno dei pali di sostegno del guard rail.

La cronaca dell'incidente che ha spezzato la vita a questo padre di famiglie è tutta qui. Non ci sono stati scontri o altri mezzi coinvolti. Eros Cescatti, che a Tierno viveva con la moglie Elvira Turella e con la loro bambina e lavorava come posatore per la «Lagaria Porfidi» di Mori, alle 17 e 50 di ieri stava viaggiando sulla Sp90 in direzione nord, proveniva da Mori ed andava verso Isera. La strada sale a curve tra i vigneti di Ravazzone e poi è una lingua d'asfalto dritta fino ad Isera, incorniciata anche qui dalle viti. Quando ha scollinato il sella al suo scooter, il motociclista ha perso il controllo del mezzo. È come se avesse proseguito dritto anziché affrontare il tracciato della strada. È scivolato ed è andato a sbattere contro il guard rail e quell'impatto gli è stato fatale.

Dietro di lui c'era un automobilista che ha visto tutta la scena ed ha poi raccontato l'impressionante incidente agli agenti della polizia stradale. Agenti che hanno eseguito i rilievi, ricostruito la dinamica ma non sono riusciti a chiarire le cause di quanto è accaduto.

I soccorsi sono stati immediati. L'auto sanitaria di Trentino emergenza ha portato sul posto l'infermiere, con l'ambulanza della Croce rossa italiana sono arrivati i volontari e da Trento si è alzato in volo l'elicottero con il medico rianimatore ed il resto dell'equipe. Il motociclista era ancora cosciente quando sono arrivati, ma per lui non c'è stato nulla da fare. È spirato sul posto poco dopo. Il trauma al torace, purtroppo, era troppo grave e le speranze di poterlo salvare si sono spente troppo presto. I volontari dei vigili del fuoco di Isera ed i carabinieri hanno chiuso la strada provinciale per permettere prima i soccorsi e poi i rilievi dell'incidente che ha messo un'altra croce sul Mossano.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?