Salta al contenuto principale

Sano e salvo Valerio Bertoldi

Era in «fuga» in Veneto,

pedalava in autostrada con la bici

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 41 secondi

Era in autostrada, nei pressi di Badia Polesine, in provincia di Rovigo. E pedalava. Sì, in autostrada ci era entrato in bici. Lì, a oltre 130 km di distanza da casa, è stato avvistato Valerio Bertoldi, il ragazzino scomparso nel nulla ieri mattina, a Lavarone.

Era partito da casa con la sua bicicletta, una mountain bike bianca, e con quella ha percorso decine e decine di chilometri, fino a immettersi indisturbato, incredibilmente, in autostrada.

Fino a quando una pattuglia della Polstrada non lo ha avvistato, ponendo fine alla sua «fuga» e soprattutto all’incubo in cui i suoi genitori e tutti i suoi familiari erano precipitati ieri.

Con loro, a tirare un sospiro di sollievo, l’intera comunità, che aveva seguito con grande partecipazione e angoscia crescente le ricerche del ragazzino, e gli stessi soccorritori, felici della conclusione della vicenda.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy