Salta al contenuto principale

Botte da orbi a 89 e 81 anni

E finiscono davanti al giudice

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 6 secondi

È opinione comune che con l’andare dell’età si affievoliscano le passioni. Che si impari a vedere la vita e i piccoli e grandi ostacoli che ci si trova di fronte, con l’occhio stoico di chi ne ha passate tante, e non perde la testa davanti a nulla. Mica come i giovani, talvolta irruenti, in alcuni casi persino incapaci di tenere a freno un carattere magari incline allo scontro. Gli anziani sono quelli saggi, che misurano le parole e sono sempre in grado di non esagerare. O almeno questa è l’opinione comune.

Ma non è sempre così: ci sono momenti in cui l’età non conta, in cui entusiasmi o aspettative infiammano gli animi anche a 80 o 90 anni. Succede. È successo, per lo meno, a due anziani di Vallarsa: 89 e 81 anni. Che hanno iniziato con una discussione per i confini e sono finiti a mettersi le mani  addosso. Entrambi ne sono usciti un po’ ammaccati. Se la sono messa via? Giammai.

Il risultato di tanto ardore è facilmente immaginabile: entrambi arrabbiati, entrambi convinti di avere ragione, entrambi pronti a sporgere querela. E alla fine pure il processo l’hanno avuto entrambi: uno in tribunale, davanti al giudice monocratico, l’altro dal giudice di pace. È di qualche giorno fa l’ultima sentenza: il giudice di pace ha assolto l’imputato un po’ perché la legge è cambiata (le ingiurie, in questo caso pacifiche, sono state nel frattempo depenalizzate) e un po’ perché pur sentendo i testimoni, e pur dando per assodato che l’imputato aveva ferito il contendente, era impossibile ricostruire con certezza se il gesto dell’imputato fosse volontario o meno. Gli è andata bene, insomma.

La vicenda risale al luglio 2014. Il teatro di cotanto spreco di energie, la Vallarsa. I due uomini - un 89enne e un 81enne - sono proprietari di fondi confinati. E proprio non riuscivano a mettersi d’accordo sul dove dovesse passare il confine. Pare una stupidaggine, ma anche pochi metri fanno la differenza, se significano veder ricadere una pianta da frutto in uno o nell’altro fondo. Ecco perché i due discutevano. Quel giorno erano entrambi nei campi, assieme ad un avvocato per ciascuno (perché fidarsi è bene, ma tutelarsi è meglio) e ad un geometra. Quello, per intenderci, che avrebbe dovuto dirimere definitivamente la controversia. Ma appena il geometra ha detto la sua, è scoppiato il putiferio. L’89enne, secondo l’accusa, avrebbe urlato all’altro: «Ladro di legna, truffatore e profittatore» e gli avrebbe assestato dei graffi sul viso. L’altro avrebbe urlato altrettante amenità, colpendolo a sua volta. A dividerli, i poveri avvocati e il geometra.
Come detto, si è finiti ad intasare le aule di tribunale: entrambi avevano riportato ferite.

L’89enne è finito davanti al giudice di pace, che ha assolto l’89enne, assistito dall’avvocato Andrea Azzolini. Quanto a quel «Ladro di legna, approfittatore», si è già detto: il cambiamento della legge è stato favorevole all’imputato. Ma restavano le lesioni. In particolare, un graffio sul labbro ed un ceffone. Alla fine del dibattimento, non c’è dubbio che sia stato lui a ferire l’altro al labbro. Solo che un testimone ha detto di non aver capito che la lesione sia stata volontaria, o accidentale, mentre veniva attirato a sé dall’altro anziano. Ecco perché l’89enne è stato assolto, con la formula dubitativa, per contradditorietà degli elementi di prova.

È andata peggio al rivale: per lui, assistito dall’avvocato Wolfango Chiocchetti, l’accusa era più grave, lesioni gravi. Ecco perché è finito davanti al tribunale. Il legale ha limitato i danni - l’accusa è stata derubricata a lesioni lievi  - ma la condanna è arrivata, benché lieve: 2 mesi Caso chiuso? Macché. In questa storia non sembra per nulla escluso che si vada all’appello. Perché non basta avere 90  80 anni, per prenderla sportivamente.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?