Salta al contenuto principale

Un branco di otto lupi

a spasso davanti all'hotel

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 21 secondi

Giorno dopo giorno si moltiplicano gli avvistamenti di lupi sugli altipiani Cimbri ed il fatto sta preoccupando la popolazione.

A Lavarone è stato visto un branco di sei lupi adulti e due piccoli aggirarsi alle cinque del mattino nei dintorni dell’Hotel Monte Rust ( nella foto ). I proprietari, Franco e Paolo, hanno tenuto d’occhio i movimenti del branco: «Sono saliti dal marciapiede, finiti in mezzo alla strada, poi disturbati dall’arrivo di un camioncino» ci racconta Franco Lunelli.

Il branco, per nulla preoccupato, è salito poi verso le prime ville della montagna, tanto che i due piccoli si sono messi a giocare nel prato antistante una casa. Sono poi ridiscesi lungo il tragitto del bosco del Pesavento, hanno passato località le Casare e i laghetti, per risalire verso il sentiero «il respiro degli alberi». Anche il forestale Mariano Bertoldi ha seguito con attenzione le tracce del branco.

Ma altri avvistamenti sono stati registrati al campo sportivo di Lavarone. Una insegnate di Luserna che svolge la sua attività didattica a Lavarone, alle ore otto ha avvistato due lupi adulti con due piccoli, nel tratto di strada che da Lavarone porta a Monterovere, proprio in prossimità del ponte della seggiovia «Ust». E poi ancora una cerva è stata trovata morta, con ogni probabilità uccisa dai lupi a pochi chilometri da passo Vezzena, verso la congiunzione con Cima Larici; un’altra cerva ha subito lo stesso trattamento in località Clama a Folgaria. E sempre a passo Vezzena un maestro di sci ha avvistato i lupi mentre faceva lezione a dei bambini. Ma le foto-trappole hanno immortalato i lupi anche a malga Milegna.

In zona di Asiago, lungo la Val d’Assa, in Veneto ma in linea retta a qualche chilometro da Vezzena, gli avvistamenti si susseguono con frequenza giornaliera: un branco di lupi è stato visto intorno al campo da golf, a poca distanza dalle case. E sempre in Vezzena durante l’estate a malga Fratte, un lupo ha ucciso un’asina che era accorsa per salvare il proprio asinello.

Anche presso la stalla Corradi a Lavarone è stato avvistato un esemplare magnifico di lupo. Stessa cosa la si può affermare per passo Sommo, dove più di un cittadino ha segnalato la presenza di due lupi. Recentemente dei lupi sono stati avvistati in località Ortesino, e sulle piste da sci di Fondo Grande. «Dal punto di vista turistico non costituiscono certo un buon biglietto da visita», sottolinea il proprietario dell’Hotel Monte Rust.

I timori ci sono, di fronte al grande predatore. A Folgaria, così come in Asiago, le colonie di mufloni sono state letteralmente sterminate nell’arco di pochi anni. Sembra che il lupo non sia pericoloso per l’uomo, ma è chiaro che la sua presenza incute paura.
Quest’anno a Luserna, presso il Centro di Documentazione, sarà dedicata al lupo una mostra di alta intensità culturale.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?