Salta al contenuto principale

A Mori il comitato 

contro i muretti di cemento

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 48 secondi
Torna d’attualità il Vallotomo di Mori. Perché il comitato «Davicoloavicolo» alza l’attenzione sulla ricostruzione dei muri a secco: «Dopo il completamento dell’opera vallotomo, dopo la demolizione con con la conseguente devastazione visibile molto bene da tutto il paese, in questi giorni ci siamo accorti che sono iniziati i lavori di ripristino dei muretti a secco - scrive il comitato - Desideriamo mettere a conoscenza le modalità con cui si sta procedendo alla ricostruzione che nulla hanno a che vedere con il ripristino di storici muretti a secco, anzi si assiste ad un uso massiccio di cemento che comprometterebbe i manufatti esistenti».
 
Da qui l’invito del comitato, affinché Provincia e Comune affidino i lavori alla scuola di pietra a secco della Fondazione Accademia della Montagna del Trentino, «che sicuramente saprebbe mettere in atto un ripristino storico che valorizzi quanto scampato all’esplosione voluta dai tecnici provinciali per eliminare il dietro sopra le abitazioni di via Teatro».
 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?