Salta al contenuto principale

Carega, cade per 300 metri

Un 79enne in rianimazione

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

Un altro incidente sulle Piccole Dolomiti. Un’altra corsa dei soccorsi. E ancora, un’altra volta, un volo di oltre 300 metri giù da un canalone. Ieri il ferito, un 79enne di Verona, recuperato grazie a elicottero e soccorso alpino, ora è al Santa Chiara, ricoverato in Rianimazione in prognosi riservata. Può sembrare di no, ma è stato fortunato: negli ultimi 30 giorni sono stati cinque gli escursionisti vittime di incidenti identici. Per due di loro, la caduta è stata fatale. Ed ora il soccorso alpino lancia l’allarme, invitando gli amanti della montagna ad essere prudenti: «Nonostante sia a duemila metri, il Carega, per via delle condizioni climatiche, in questo momento è una montagna impegnativa. Serve fare attenzione», osserva Doriano Feller.

L’allarme, ieri mattina, è scattato poco dopo le 10.30. L’escursionista, un residente a Verona di 79 anni, stava salendo sul sentiero nel Vaio dei Cavai, la via per intendersi che, dalla valle d’Ometto, porta in quota, per poi raggiungere Cima Posta o il Fraccaroli. Cosa sia accaduto lo potrà spiegare solo lui, quando si sentirà meglio. Quel che è certo è che degli escursionisti che salivano a poca distanza hanno visto l’uomo scivolare in un canalone. E hanno dato l’allarme.

I soccorsi si sono mossi immediatamente. Perché ormai l’esperienza ha insegnato che, da quelle parti, un incidente può trasformarsi in fretta in tragedia. D’altronde la situazione è difficile, in quota. È tutto ghiacciato. Il che significa che, se si scivola sul sentiero e si cade nel canalone, non c’è modo di arginare la corsa. Si scivola a valle, senza possibilità di fermarsi. E questo ha fatto il 79enne. È andato giù, per qualcosa come 300 metri.

Sul posto, più in fretta possibile, l’elicottero di Trentino Emergenza e, a terra, il soccorso alpino. L’uomo è stato raggiunto, le sue condizioni sono state stabilizzate ed è stato portato al Santa Chiara dove i medici hanno riscontrato un politrauma che - vista anche l’età - lo rende un paziente a rischio. Per questo è stato ricoverato nel reparto di rianimazione. La prognosi resta riservata.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy