Salta al contenuto principale

Il campioncino «Ema»

biker in maglia azzurra

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 45 secondi

Un azzurrino sulle due ruote. Emanuele Huez, campioncino di Calliano, la settimana prossima sarà a Graz per prendere parte ai Campionati europei di mountain bike giovanili. Sarà uno dei nove ragazzi italiani, unico della nostra regione, a vestire la maglia della nazionale. Una convocazione che ha riempito d'orgoglio non solo il sedicenne, portacolori della Racing Tettamanti, e la sua famiglia ma un'intera comunità che ieri in municipio gli ha augurato un grande in bocca al lupo. 

«È davvero una bella soddisfazione - commenta Emanuele Huez, detto «Ema» -. Già due anni fa ero stato chiamato in nazionale, ma l'avevo vissuta più come una nuova esperienza. Quest'anno vado per puntare a qualcosa in più. Conosco gli avversari e cercherò di dare il massimo». La conferma in nazionale per il giovane biker è stata possibile grazie agli ottimi risultati che ha conseguito anche quest'anno, in tutte le discipline della mountain bike. É stato infatti l'unico a salire sul podio in tutte e tre le discipline ai campionati italiani: terzo in categoria Xce, secondo nel ciclocross, terzo nella mountain bike classica. 

«Avere in paese un atleta di questo livello ci riempie d'orgoglio - affermano il sindaco Lorenzo Conci e l'assessore allo sport Walter Comper - soprattutto perché Emanuele non è un ragazzo montato, ma uno sportivo vero e proprio, anche umanamente parlando. A Graz rappresenterà oltre che Calliano tutto il Trentino Alto Adige». Anche il presidente dell'Agenzia dello sport della Vallagarina Ruggero Pozzer ha voluto portare un saluto: «Questa convocazione è già una vittoria. Premia la costanza e la tenacia di Emanuele, un esempio positivo per tutti i ragazzi della sua età». 

Nella nuova sfida europea «Ema» sarà seguito da coach Mirko Celestino, ex professionista. «Temo soprattutto gli avversari austriaci e svizzeri - ammette il giovane -. Disputerò cinque prove: i primi due giorni si correrà a squadre, poi si passerà alle individuali». E alla domanda su quale sia il suo idolo indiscusso non ha alcun dubbio: «A livello italiano sicuramente Marco Aurelio Fontana, arrivato terzo alle Olimpiadi di Londra del 2012. Ma in assoluto Nino Schurter, biker svizzero, l'attuale numero uno nella classifica mondiale di specialità»

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?