Salta al contenuto principale

Roma, ucciso a sassate

il truccatore Pegoretti

Ha reagito a una rapina: due arresti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 40 secondi

Lo hanno trovato cadavere, seminudo, in una pineta di Roma. È morto ucciso a sassate, Mario Pegoretti, 61 anni, parrucchiere che ha vissuto ad Avio la sua adolescenza, ma che tornava in paese a trovare la famiglia ogni anno. I carabinieri del Comando provinciale di Roma hanno fermato due giovani romeni, ritenuti autori dell’omicidio. I due giovani sono stati rintracciati nella notte al termine di serrate indagini dei carabinieri del Nucleo Investigativo di via in Selci. Sono ora nel carcere di Regina Coeli a disposizione dell’autorità giudiziaria. Mario Pegoretti sarebbe stato ucciso nel corso di una rapina. Secondo gli investigatori, Pegoretti ha tentato di difendersi e, per questo, è stato selvaggiamente malmenato e ucciso con dei colpi inferti al volto con una grossa pietra.

Pegoretti, parrucchiere delle dive del cinema, 61enne, era originario di Merano, ma aveva vissuto da bambino fino a 18 anni ad Avio. È stato trovato cadavere domenica mattina da un passante che faceva jogging nel parco, nei pressi della biblioteca.  Il volto era sfigurato dalle numerose ferite. Pegoretti era separato dalla moglie e viveva da 9 anni con due amici in zona Tuscolana, molto distante da Pineta Sacchetti. È stato visto l’ultima volta sabato sera. Ha detto che stava andando al cinema ma non è più rientrato a casa.

Pegoretti era molto conosciuto nell’ambiente del cinema romano, perché era di fatto il parrucchiere e truccatore delle dive. Aveva avuto una vita davvero ricca: era stato carabiniere, poi corraziere grazie alla sua prestanza, poi aveva deciso di dedicarsi al mestiere che lo aveva reso famoso. Ad Avio era arrivato con la famiglia, perché il papà, scomparso tanti anni fa, lavorava alla Cantina sociale. La mamma era morta cinque anni. Frequentava ancora le sue sorelle, Ada e Domenica, di 54 e 64 anni, con cui si era recato alla messa di Natale ad Avio. La religione lo stava confortando molto in questi ultimi mesi. Tanti romani che lo hanno conosciuto lo stanno ricordando in queste ore con particolare affetto. Tutti lo ricordano come persone profonda e mite, ma solida.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?