Salta al contenuto principale

Bacino delle Viote:

raccolte 680 firme

contro il progetto

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

Ieri pomeriggio, alle 17.30, presso gli uffici del sindaco, palazzo Geremia, il consigliere comunale dei Verdi - ecologisti e civici Marco Ianes, assieme ad una delegazione dei Verdi del Trentino, ha consegnato Alessandro Andreatta le 680 firme raccolte nella petizione su Avaaz.

È la petizione che il consigliere ha lanciato dopo l’inserimento nel Piano regolatore generale, votato lo scorso luglio in consiglio comunale dove, per soddisfare le richieste delle minoranze, la maggioranza ha acconsentito a votare un emendamento che, appunto, prevede la costruzione di un bacino artificiale per innevamento alle Viote, sul monte Bondone.

Ianes, consigliere di maggioranza, si è chiamato fuori, non ha votato l’emendamento e nemmeno il Prg. Ha lanciato poi la petizione per richiamare l’attenzione sulla complessità dei cambiamenti climatici, che determinano una situazione insostenibile per quanto riguarda i bacini di innevamento artificiale. «Costruire un bacino alle Viote» ha ribadito ieri alla consegna delle firme «è assurdo. Lo zero termico si sta alzando, i ghiacciai si stanno sciogliendo e si parla ancora di costruire bacini per innevamento artificiale sotto i 2000 metri: assurdo e insostenibile, sia ecologicamente, sia economicamente. Spero» è il suo auspicio «che, nel secondo passaggio di votazione, che avverrà tra dicembre e gennaio prossimi, si possa valutare di rimuovere il bacino dal Prg. Io comunque manterrò l’assoluta contrarietà all’opera, in antitesi con l’idea di sviluppo sostenibile».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy