Salta al contenuto principale

Effetto M49: sentieri deserti

e prati per i pic-nic vuoti

tra il Cimirlo e la Maranza

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Il grande prato in località Pramarquart, con le sue panchine e i «fogolari» per le grigliate, di solito preso d’assalto nei week-end è desolatamente vuoto, i sentieri Sat ben segnati che solcano l’intera catena della Marzola insolitamente deserti, i bikers nei loro giri si limitano quasi esclusivamente alla strada asfaltata Cimirlo-Maranza evitando i numerosi percorsi sterrati nel bosco.

Ad un mese esatto dalla rocambolesca fuga dal Casteller, l’effetto M49 si fa sentire su tutta la fascia pedemontana della Marzola: ormai in zona si incontrano praticamente solo le «ronde» delle guardie forestali armate alla ricerca di Papillon, gli operai dell’Azienda forestale impegnati da mesi a rimediare ai disastri della tempesta Vaia e, raramente, qualche «temerario» escursionista.

Una situazione che per fortuna non si ripercuote sull’attività del rifugio Maranza e del ristorante pizzeria «Zimirlo Biergarten» al passo del Cimirlo, locali raggiungibili anche in auto e ancora molto frequentati dalla numerosa clientela in cerca di refrigerio e buona cucina, ma che rischia di trasformarsi in una sorta di psicosi non sempre giustificata.

Certo i riscontri sulla presenza di M49 in giro per la Marzola sono ormai numerosi, dagli avvistamenti nella zona del Chegul e Susà, alle impronte rilevate in Pianizza e sulla strada tagliafuoco che collega Pramarquart a Brusafer e Bindesi, fino alla pecora dilaniata in questi giorni sopra Susà, ma per il momento il plantigrado si guarda bene dall’avvicinarsi a persone e zone abitate limitandosi a qualche pasto, prevalentemente vegetariano, nelle campagne del versante perginese.

Nessuna predazione è stata segnalata invece nella fascia ovest pur in presenza di animali domestici in Maranza e greggi sulla Marzola.

Certo è che rischia di diventare simpatico questo M49 che da un mese si fa beffa delle guardie forestali «girando in tondo» su una montagna territorialmente limitata e dosando le «apparizioni» con apparente maestria.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy