Salta al contenuto principale

Rapinata la lavanderia Loner

Banditi in fuga con la cassa

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 54 secondi

Attimi di paura alla lavanderia «Loner» di viale Verona, a Trento, dove nella sera di ieri due persone hanno aggredito l’impiegata e si sono fatti consegnare l’intero incasso della giornata. La rapina è avvenuta alle 19.30, in orario di chiusura.

Secondo il racconto del consigliere comunale Marco Santini, titolare dell’azienda, i malviventi si sono intrufolati in un momento in cui non era presente clientela all’interno del locale, e la commessa, sola al momento del fatto, stava per sbarrare la porta dall’interno. Con il favore del buio, e la mancanza di testimoni in zona, i due, la cui descrizione sommaria è stata riferita alla forze dell’ordine, sono così entrati in azione a volto scoperto. Secondo la ricostruzione ed i rilevamenti effettuati dagli agenti di Polizia di Stato, chiamati subito dopo la rapina ed intervenuti pochi istanti dopo la precipitosa fuga dei responsabili, il tutto si è svolto nell’arco di pochi istanti e senza che la commessa ne risultasse ferita.

«Attualmente - ci ha spiegato lo stesso Santini, qualche ora dopo i fatti - la nostra impiegata è in ancora in stato di choc, ma fortunatamente non riporta alcuna lesione personale. Lo spavento, ad ogni modo, non ha permesso di chiarire alcuni particolari, che rimangono oscuri e indefiniti. Speriamo di riuscire a fare piena luce sull’intera vicenda nella giornata di domani (oggi per chi legge, ndr), in modo da consentire alle forze dell’ordine di identificare i responsabili».

Da quanto raccontato dalla stessa impiegata, i due malviventi, che indossavano dei giacconi neri, sono entrati all’improvviso, muovendosi con grande rapidità. Mentre uno si occupava di fare da «palo», tenendo aperta la via di fuga e controllando la strada, l’altro ha agito da solo, immobilizzando la commessa ed obbligandola a consegnare i contanti presenti all’interno della cassa. Una volta intascati i soldi, i rapinatori, che hanno agito in modo concitato e nervoso, dimostrando ben poco sangue freddo, sono fuggiti di corsa, aspettandosi il tempestivo intervento delle forze dell’ordine.

Dai calcoli effettuati poi dal titolare, è stata sottratta un somma compresa tra i 900 ed i mille euro. «Ci auguriamo di recuperare il maltolto, ma soprattutto speriamo nella cattura dei rapinatori», ha concluso Santini, che ha lasciato la seduta a Palazzo Thun per precipitarsi alla lavanderia appena informato dell’accaduto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?