Salta al contenuto principale

Il Comune congela le tariffe

Più cari gli impianti sportivi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 46 secondi

Tariffe congelate quasi ovunque a parte qualche ritocco per l’ingresso agli impianti sportivi per gli adulti, in attuazione di una mozione approvata dal consiglio comunale tesa a favorire l’uso degli impianti stessi da parte dei ragazzini. Le delibere con cui la giunta Andreatta ha approvato le politiche tariffarie per il 2018 prevedono un generico allineamento delle tabelle al tasso programmato di inflazione e quindi una sostanziale invarianza rispetto all’anno in corso, con qualche eccezione legate a interventi specifici o novità assolute, tipo il campeggio per i caravan che entrerà in funzione entro la fine dell’anno.

IMPIANTI SPORTIVI

Mantenendo congelate le tariffe per i ragazzi fino a 18 anni e per gli overs 65 la giunta ha accolto le proposte di Asis di lievi aumenti per adulti e studenti (tra 18 e 26 anni). Per il Palaghiaccio si tratta di aumenti limitati all’1,6% del primo semestre e ad un altro 2,1% nel secondo. per i lidi estivi 1,4% nel primo semestre e 2% nel secondo con variazione del 5,3% della penale applicata per l’uscita oltre l’orario per cui si è pagato. L’ingresso al campo di atletica di via Maccani aumenterà del 4% per gli adulti e del 5% per gli studenti mentre il Centro fondo delle Viote, che soffre di un indice di copertura dei costi inferiore al 24% prevede aumenti del 2,1% per gli adulti e del 4,8% per gli studenti.
Aumenti analoghi sono proposti sempre per le categorie adulti e studenti anche per le squadre che utilizzano palestre e impianti.

CENTRO MUSICA

Con l’intento di aumentare la percentuale di utilizzo degli spazi soprattutto da parte di giovani musicisti under 29 saranno riviste le tariffe per l’utilizzo della sala prove a Sanbapolis che cambierà anche gli orari, con la chiusura serale il lunedì e l’apertura serale il venerdì e pomeridiana il sabato. L’utenza under 29 e gli studenti universitari continueranno a pagare 4,10 euro perle fasce A e B, cioè dalle 15 alle 17 e dalle 17 alle 19 mentre la tariffa per la fascia C, dalle 20 alle 22, sarà dimezzata da 16,40 a 8,20 euro. Per contro gli over 29 si vedranno raddoppiata la tariffa pomeridiana, da 4,10 a 8,20 euro, mentre quella serale rimarrà invariata a 16,40.

ASILI NIDO

Le tariffe restano invariate.

ALTRI SERVIZI

Per quanto riguarda i servizi comunali offerti in concorrenza, ferma restando la necessità di allinearsi al mercato e di coprire il costo del servizio si prevede anche qui un sostanziale adeguamento al tasso programmato di inflazione. La novità è costituita dal nuovo servizio di rimessaggio caravan e autocaravan nella nuova area camper di via Fersina. Qui è stata stabilita una tariffa giornaliera al netto di Iva di 16,39 euro per l’autocaravan e una tariffa notturna di 9,84 euro in caso di ingresso dopo le 18 e uscita prima delle 10 del mattino. L’utilizzo del camper service per il carico e scarico costerà 1,64 euro più Iva.

RACCOLTA RIFIUTI

Una piccola novità è stata introdotta nel tariffario della raccolta rifiuti e riguarda lo spostamento di serrature gravitazionali già acquistate da un cassonetto a un altro nei condomini in cui l’amministratore volesse cambiare la volumetria a disposizione. La tariffa proposta per tale spostamento è di 39 euro.

SEPOLTURE

Vista la sempre più diffusa pratica della cremazione, scelta ormai dal 60% dei defunti nel Comune di Trento, il Servizio Servizi funerari sta programmando l’introduzione di due nuove tipologie di sepoltura: posti in terra in cui inumare le urne che verranno realizzati in uno dei campi comuni del Civico cimitero, che avranno la dimensione di circa la metà rispetto ai posti in terra attualmente in essere e cellette da prevedere recuperando gli spazi delle edicole del cimitero. le tariffe proposte per queste nuove soluzioni saranno le seguenti: 2.600 euro per un posto in terra per l’urna per 30 anni, 800 euro per una celletta nelle edicole in prima e seconda fila, 500 per quelle in terza, quarta e quinta fila,; 1.500 per le cellette nelle edicole doppie di tipo A in prima e seconda fila; 1.000 euro per quelle nelle tre file successive; da 1.800 a 1.300 euro per le cellette doppie di tipo B a seconda dlele file.

ATTIVITÀ EDILIZIA

Qualche novità derivante da modifiche alle leggi riguardano le attività istruttorie in edilizia. La voce «Comunicazioni di inizio lavori asseverata (CILA) sarà soggetta a una tariffa di 70 euro; la Comunicazione di violazione per le differenze riscontrate rispetto all’ultimo progetto approvato entro i limiti del 2% costerà 31 euro; l’Istanza di applicazione della sanzione di legge, attivata su richiesta dell’interessato in caso di opere abusive, costerà 100 euro oltre naturalmente alle eventuali sanzioni; la Richiesta di parere preliminare della commissione tecnica per la relizzazione su suolo privato di dehor e plateatici costerà 55 euro; la Segnalazione certificata di agibilità costerà 70 euro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?