Salta al contenuto principale

Ztl, in città varchi elettronici

Le telecamere scovano furbetti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 43 secondi

La rivoluzione sta per partire. Dopo l’estensione della Ztl alla zona dell’«uncino» - via Galilei, via Roggia Grande, via Calepina e, di riflesso, via Mantova sono chiuse al traffico dal 15 febbraio scorso - entro l’estate entreranno infatti in funzione anche i varchi elettronici. Le telecamere, dunque, leggeranno le targhe dei mezzi che supereranno la «linea» della zona a traffico limitato e, quelle non autorizzate, verranno segnalate al sistema di controllo e scatterà la sanzione.
L’installazione dell’occhio elettronico è di fatto conclusa. Su 7 varchi in entrata e 11 in uscita previsti, tra il 15 e il 24 maggio, gli impianti sono stati posizionati praticamente tutti: mancano solo quello in entrata e in uscita in piazza Mostra, il cui posizionamento è legato ai previsti lavori di recupero. Per il Comune di Trento si tratta di un investimento di 560mila euro.

 

 

All’imbocco di via Galilei, sul cartello che riporta l’accesso alla zona a traffico limitato «centro storico», è già indicata - in calce - la presenza del varco elettronico. Una segnalazione che dovrebbe fare scattare l’attenzione, oltre che dei trentini, di chi arriva da fuori città.  
Diciamo subito che i varchi - nonostante l’installazione sia di fatto completata - non sono ancora attivi. «Sono in corso le verifiche e i collaudi degli impianti - spiega il dirigente del Servizio opere di urbanizzazione primaria del Comune, Bruno Delaiti -
La data di avvio, come spiega il dirigente, sarà stabilita con il comandante della polizia locale. L’ipotesi era quella di iniziare il 1°luglio. «Ma si dovranno fare minimo 30 giorni di pre esercizio», ricorda Delaiti.

Una volta terminata questa fase il sistema entrerà dunque a regime. La targa dei veicoli verrà letta sia in entrata che in uscita: se si tratta di un veicolo autorizzato al transito in ztl, il programma di fatto non registrerà nulla. Se invece la targa non rientra tra quelle dell’elenco e, dunque, l’automobilista non ha titolo per entrare in centro, verrà trasmessa al sistema per una verifica. E in caso di conferma dell’infrazione, si avvierà l’iter per procedere alla contestazione della sanzione da parte della polizia locale.

La presenza dei varchi in uscita consentirà anche di verificare il rispetto degli orari previsti in caso di permessi temporanei per l’accesso alla ztl. L’occhio elettronico, infatti, non perdona: una volta che avrà immortalato una targa non autorizzata scatterà la multa.

Del resto, anche adesso, chi entra in Ztl senza permesso - magari sperando di non incappare in un controllo - rischia comunque una sanzione. Certo, può sperare di non incrociare una pattuglia della polizia locale. Ma con l’entrata in funzione dei varchi elettronici in tutto il centro città i controlli saranno automatici.
Nella ztl creata nell’«uncino» potranno però transitare le auto dei clienti del negozio Franzinelli e dell’autorimessa Europa: le targhe verranno segnalate alla polizia locale come «autorizzate».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?