Salta al contenuto principale

Lucia Maestri «Esagerati i tagli alla cultura»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 17 secondi

maestri«Un taglio del 5% dei fondi per la cultura è assolutamente esagerato. Sanremo è in mezzo alla bellezza, il Trentino la ritiene superflua. Ma non ha senso costruire dei musei-cattedrali se poi non ci si preoccupa di farli funzionare». Lucia Maestri, consigliera provinciale del Pd e presidente della commissione cultura del consiglio provinciale, sabato scorso nella riunione di maggioranza sulla legge finanziaria ha espresso contrarietà rispetto alle previsioni del bilancio di assestamento 2014 presentate dal presidente Ugo Rossi.
Il bilancio stabilisce infatti, come riferito ieri, un taglio di  1.690.000  euro riducendo i fondi complessivi a  31.814.000  euro.
Sono calate in modo molto significativo anche le risorse per gli investimenti nel settore che passano da  50 milioni  di euro a  34.336.000  euro. Si precisa che nel bilancio pluriennale sono state garantire risorse per finanziare interventi, anche diretti, di tutela del patrimonio culturale, architettonico e storico -  19,2 milioni  di euro nel 2014 - e per investimenti nel settore dello sport per  3,3 milioni  di euro.
Viene garantito solo un grande evento museale all'anno sul quale i principali musei - Mart, Muse e Castello del Buonconsiglio in primis - dovranno mettersi d'accordo e concordarlo con la Provincia. Per questo evento si prevede uno stanziamento di  1,1 milioni  di euro.
Nella prossima legge finanziaria sarà inserita anche la norma che prevede l'«assorbimento del museo degli usi e costumi di S. Michele da parte del Muse».
Anche su questo punto Lucia Maestri, ex assessore comunale alla cultura di Trento, è molte perplessità: «Mi pare improbabile e poco scientifico accorpare due musei solo per ragioni di risparmio. La proposta era già emersa alla fine della scorsa legislatura quando si parlò di consiglio di amministrazione unico della rete dei musei, ma anche allora come ora, si proponeva questo senza che si vedesse dietro una strategia. Non vorrei - aggiunge Maestri un po' maliziosamente - che accadesse come con Trentino sviluppo e Trentino marketing, che sono state messe insieme e adesso si torna indietro».
Domani, comunque, ci sarà l'audizione dell'assessore provinciale alla cultura, Tiziano Mellarini, in commissione consiliare e sarà l'occasione - spiega Maestri - per chiedere chiarimenti sul calo di risorse e sulla realizzazione del progetto di governance unica del sistema museale.
Contro l'assorbimento del Museo di S. Michele da parte del Muse si è espresso nei giorni scorsi anche  Lorenzo Baratter , capogruppo del Patt in consiglio provinciale ed ex presidente del Museo.
L'assessore Mellarini, da parte sua, non ritiene che i tagli per il suo settore siano particolarmente pesanti e pensa di poter fare fronte a tutte le esigenze. «I tagli alla cultura - dice - sono in linea con quelli degli altri settori».
  L.P.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy