Salta al contenuto principale

Rovereto, strade più sicure

grazie alle multe

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 33 secondi

È una delle leggende metropolitane più longeve: ad ogni multa staccata e appiccicata su qualche cruscotto, il solerte vigile urbano ci guadagna. Perché «lavorano a percentuale», si dice. Ecco, si dice, ma ovviamente non è vero. Perché le sanzioni della polizia locale hanno lo scopo preventivo di assicurare il rispetto delle regole. E a decidere come vengono spesi i soldi che la pubblica amministrazione incassa ogni anno grazie alle sanzioni, è il codice della strada. Che definisce regole ferree: il 50% di quel che entra va usato per interventi che migliorano la sicurezza sulla strada. Ed è quello che fa anche la giunta Valduga, che recentemente ha approvato il consuntivo 2018 di questi fondi, e il preventivo 2019. Due delibere da cui emerge qualche curiosità. A partire dalla difficoltà dell'ente pubblico ad incassarle, quelle multe, fino al capitale (perché è un capitale) necessario per tagliare l'erba lato strada o rifare la segnaletica orizzontale. Quanto al totale, nel 2018 sono state incassate multe per 399.376,72 euro. La metà esatta, 199 mila euro e rotti, è stata investita in sicurezza stradale. O per meglio dire, quei 199 mila euro, hanno contribuito a coprire le spese per la sicurezza stradale, che in realtà sono state ben più alte. Tre i capitoli principali: interventi sulla segnaletica, attività di controllo e manutenzione delle strade. Quanto alla segnaletica, al netto delle battute da bar - perché se la viabilità cambia spesso serve investire spesso pure in cartelli stradali - cartelli e strisce sull'asfalto costano piuttosto cari. In tutto si sono spesi l'anno scorso 96.961 euro (di cui quasi 50 mila dalle multe) per questo. A pesare è soprattutto la segnaletica orizzontale, rifatta un po' ovunque: sulla statale (per 12 mila euro), sulla bretella ai Fiori (altri 5 mila), all'interno dei quartieri cittadini (in tutto 48 mila euro).
Quanto al capitolo controllo e accertamento delle violazioni, il grosso della spesa (88 mila euro, di cui 49 mila derivanti dalle multe) serve per gestire le violazioni, tra riscossione coattiva, rivalsa e spese (75.800 euro). Il resto sono acquisiti vari e revisioni dei mezzi in dotazione. Con un a curiosità: costa decisamente meno mantenere revisionati gli etilometri (927 euro) degli autovelox (3.500 euro). Infine c'è il capitolo miglioramento della sicurezza stradale. È questa la fetta grossa della torta: 202.264 euro, (di cui 99.594 dalle multe). Ma chi si immagina chissà quali interventi, rimarrà deluso. La maggior parte dei soldi finisce in manutenzioni minime. Su tutte, lo sfalcio dell'erba e il taglio della vegetazione ai bordi delle strade: su questo capitolo si sono spesi 125.400 euro. Un'attività che non è quindi costa alla giunta solo in termini di polemica politica, ma pure per quel che riguarda i cordoni della borsa. Decisamente meno impattante, sul capitolo sicurezza, la vigilanza davanti alle scuole, su cui comunque si sono investiti 36 mila euro.
Se questo è ciò che si è speso nel 2018, per quel che riguarda il 2019 si è per ora ovviamente nel campo delle previsioni. E la giunta Valduga ha previsto vengano emesse multe per 490 mila euro, ma ha deciso di iniziare da un dato di realtà: un conto è staccare le multe, un altro è convincere i cittadini a pagare le sanzioni. Per questo nel 2019 sarà istituito un «Fondo crediti di dubbia esigibilità», per 54 mila euro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy