Salta al contenuto principale

Scritte e vetri rotti
La banca nel mirino

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 32 secondi

Tra le tre e le cinque della notte tra mercoledì e giovedì ignoti hanno preso di mira la sede del Credito Valtellinese a Rovereto, la banca che si trova all’angolo tra corso Rosmini e via Stoppani: cinque grandi finestre sono state prese a sassate, o a sprangate, ancora non è stato possibile definirlo, e su una è apparsa una grande scritta con lo spray rosso: «No Cpr né a Modena né altrove». Per i carabinieri della Compagnia di Rovereto si tratta di un «gesto che si riferisce ad un tema d’area antagonista». Anarchici, insomma, che si oppongono alla realizzazione del «Centro di permanenza per i rimpatri» di Modena la cui apertura è prevista nei prossimi mesi.

Ma cosa c’entra il Credito Valtellinese con i centri per i migranti? Presto detto: l’edificio del Centro di permanenza per il rimpatrio di Modena è di proprietà della finanziaria Alba Leasing, che fra i suoi soci annovera le banche Bper, Banca popolare di Milano, Banca Popolare di Sondrio e il Credito Valtellinese. Si tratta di un grande caseggiato, già Cie, che era stato chiuso nel 2013 dopo una rivolta: la volontà del governo attuale è di sistemarlo e riaprirlo in vista dell’estate come Centro di permanenza per i rimpatri, quello che secondo la stampa anarchica viene definito senza mezzi termini un «lager per migranti».  

L’allarme è scattato ieri intorno alle 7 quando alcuni passanti hanno visto il disastro. I vetri, nonostante la violenza dell’attacco e le spaccature a raggiera, hanno retto: d’altra parte la sicurezza è uno dei capisaldi di una banca. Ma per evitare che qualcuno si potesse far male la zona è stata immediatamente transennata. Sul posto sono arrivate le pattuglie dei carabinieri che hanno fatto partire le complesse indagini. «Stiamo portando avanti accertamenti ad ampio raggio - fanno sapere le forze dell’ordine - e stiamo approfondendo tutte le ipotesi».

Non è stato trovato lo strumento usato per spaccare i vetri e quindi è molto difficile ricostruire la dinamica. Si potrà però fare affidamento sulle telecamere distribuite nella zona, sperando di trovare riscontri utili. Naturalmente, se qualcuno avesse visto o sentito qualcosa, è pregato di riferirlo ai carabinieri.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy