Salta al contenuto principale

La canzone del Minicoro per Francesco

Omaggio canoro al Santo Padre

minicoro di rovereto da papa francesco
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 57 secondi

Una canzone per il compleanno di Papa Francesco. Si intitola «Permesso, grazie, scusa» e a portarla in dono al pontefice è stata una delegazione del Minicoro di Rovereto, con in testa il direttore Gianpaolo Daicampi e l’autore del brano Lodovico Saccol. Domenica, in occasione della festa per il dispensario pediatrico vaticano e per gli 82 anni del Santo Padre, i rappresentanti del coro roveretano si sono recati in Aula Paolo VI per una toccante cerimonia. «Al Papa - racconta Daicampi, ancora emozionato - la canzone è piaciuta tantissimo. Ci ha detto: bisognerebbe che tutti la ascoltassero». Un incontro, quello con Papa Bergoglio, che il Minicoro attendeva da tempo. «Un anno fa - ricorda il maestro - ci avevano chiamato per cantare in Sala Nervi, ma all’ultimo momento l’udienza purtroppo saltò. Intanto, Lodovico Saccol, autore di molte canzoni per bambini e amico del nostro coro, compose un brano apposta per noi: «Permesso, grazie, scusa», un titolo che richiama tre parole a cui il Papa tiene molto, essendo i pilastri del vivere in famiglia». Una canzone che, a pochi giorni dalla sua uscita, comincia ad essere trasmessa su Radio Vaticana. Una, due, dieci volte, finchè non arriva alle orecchie di suor Antonietta Colacchi, la direttrice del dispensario pediatrico Santa Marta, che riesce a rintracciare il coro che la canta, chiedendo se fosse possibile trasmetterla per il compleanno del Papa. «Non potevamo crederci - ammette Daicampi -. Assieme alla canzone per papa Francesco, di cui è stato proiettato anche il video, abbiamo portato anche «La pace di può», altro nostro cavallo di battaglia, e altri brani del repertorio. Farli ascoltare al Papa è stato incredibile, il coronamento di un percorso iniziato una decina di anni fa». Unico dispiacere il fatto di non aver potuto portare in Vaticano, per motivi di carattere logistico, i piccoli coristi lagarini. Anche se, promette il maestro del Minicoro, «prima o poi riusciremo a cantare davanti al Papa: sarebbe un’esperienza straordinaria per i bambini. Oggi abbiamo aperto un canale importante per poter tornare ed eseguire in diretta le nostre più belle canzoni». Un’esperienza che, come confermano i componenti dell’Associazione Culturale Amici e Minicoro invitati domenica nelle sale vaticane, lascerebbe senza dubbio il segno: «Incontrare Papa Francesco - raccontano - è stato incredibile. Un momento magnetico, capace di trasmettere grande serenità e pace interiore. Sarebbe fantastico poter ritornare tutti assieme».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy