Salta al contenuto principale

Che tempo fa? Chiedetelo

agli esperti del festival meteo

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

Al Polo tecnologico di Trentino Sviluppo a Rovereto è entrata nel vivo la quarta edizione del «Festivalmeteorologia»: fino a domenica conferenze, laboratori, stand e attività didattiche aperte a tutti.
Tema di quest’anno è «A chi serve la meteorologia?», una domanda che introduce la riflessione sulle diverse applicazioni della meteorologia nei vari comparti professionali ed economici.

A discuterne, anche in questa edizione, operatori dei servizi meteorologici, istituzionali e privati, professionisti e aziende del settore, ricercatori ma anche tanti appassionati di meteorologia, scuole e tanti cittadini incuriositi dall’argomento.

L’evento si è aperto giovedì con i laboratori per le scuole e, in serata, al Teatro Zandonai, con lo spettacolo «Le Stagioni. Viaggio nel tempo (atmosferico e non) tra Vivaldi e Piazzolla» con il meteorologo Andrea Giuliacci. Ieri mattina il saluto delle istituzioni promotrici: Università di Trento, Comune di Rovereto, Trentino Sviluppo e Fondazione Museo Civico di Rovereto, con il supporto della Fondazione Caritro.

«La città di Rovereto è la città del Festival ed è molto orgogliosa di esserlo», ha commentato la vicesindaco Cristina Azzolini. La mattinata è proseguita entrando nel vivo delle conferenze di taglio scientifico. Nel pomeriggio gli interventi di Anna Ghelli, dell’European Centre for Medium-Range Weather Forecasts, e del Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli (nella foto, il suo intervento).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy