Salta al contenuto principale

Comune e Demanio si scambiano i beni

Trattativa chiusa a Rovereto dopo 15 anni

asilo ex manifattura tabacchi e caserma carabinieri di rovereto
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 10 secondi

L’asilo ex Manifattura è entrato tra i beni della città della Quercia grazie al rogito notarile che sancisce il trasferimento di immobili tra Agenzia del Demanio e Comune di Rovereto.
Gli immobili oggetto dell’atto sono la caserma dei carabinieri proprietà del Comune ora dello Stato (valore 6 milioni 253 euro); l’ex asilo Manifattura Tabacchi proprietà dello Stato ora del Comune (valore 5.956.500 euro), ex Poligono di Valscodella proprietà dello Stato ora del Comune (valore 68 mila euro).
«Con il perfezionamento dell’operazione immobiliare l’amministrazione comunale consegue un obiettivo strategico di valorizzazione e razionalizzazione del patrimonio comunale finalizzato anche alla riqualificazione di un ambito cittadino di particolare interesse pubblico», ha dichiarato il sindaco Francesco Valduga per il quale è prematuro ora immaginare l’uso futuro. «Non sarà certamente la scuola per l’infanzia perché l’indisponibilità dell’area ci aveva portato a suo tempo ad immaginare e progettare il polo 0-6 anni nell’area ex Alpe dove, dei 10 mila metri quadri a disposizione, 5 mila saranno a parco e gli altri 5 mila per la scuola. Ma l’asilo dell’ex-Manifattura, con i suoi 6 mila metri di scoperto e i 1800 di sedime su cui insiste l’edificio, asilo fino al 2012, riveste una importanza di indubbio valore strategico».
L’operazione è andata a compensazione - anche a titolo di saldo delle spettanze pregresse - con il versamento da parte del Comune di 414.356,54 euro che è stato effettuato al momento della sottoscrizione dell’atto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?