Salta al contenuto principale

Al Melotti torna la rassegna "Musica Macchina"

In concerto gli statunitensi "Visible Cloaks"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 17 secondi

Venerdì 26 ottobre si apre la nuova stagione di «Musica Macchina», la rassegna del Centro servizi culturali Santa Chiara - ospitata dall’auditorium Melotti di Rovereto - dedicata alla ricerca sonora sperimentale, con un orecchio di riguardo per i linguaggi della musica elettronica contemporanea: il primo appuntamento sarà con gli statunitensi «Visible Cloaks». Il concentro avrà inizio alle ore 21.
«Ambient del futuro passato» è forse la definizione più efficace, tra le varie circolate finora, per descrivere il suono del duo composto da Spencer Doran e Ryan Carlile, di Portland (Oregon). Certo è che con il loro mix di stili musicali e riferimenti estetici apparentemente distanti, i Visible Cloaks rappresentano una delle novità più affascinanti comparse sulla scena elettronica degli ultimi anni. L’album Reassemblage e l’Ep Lex, usciti nel 2017 per la label statunitense Rvng Intl., hanno visto Doran e Carlile filtrare attraverso uno sguardo nitido e iperrealista l’influenza di un certo ambient-pop giapponese anni ‘80 (un nome, su tutti: Ryuichi Sakamoto) e una sensibilità per i suoni naturali della strumentazione acustica tradizionale, replicati tramite l’uso di strumenti virtuali.
Quello dei «Visible Cloaks» è un approccio disinvolto che si orienta tra naturale e digitale, progresso tecnologico e tradizione, sintetico e organico, passato e futuro, mettendone in discussione confini e convenzioni. Il risultato è una pluralità di linguaggi, un’elettronica hi-tech che aggiorna il concetto di «Fourth World Music» nato dalle sperimentazioni di Jon Hassell e Brian Eno negli anni Ottanta e dal vivo prende la forma di un’esperienza immersiva e multisensoriale grazie ai visual curati dalla digital artist Brenna Murphy.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy