Salta al contenuto principale

Rovereto: dal giudice

per una multa di 14 anni fa

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 47 secondi

Pur di non pagare una multa per violazione al codice della strada due turisti napoletani hanno sfruttato l'italica ragnatela burocratica tenendo in ballo la questione praticamente per tre lustri. Perché quella contravvenzione, ricevuta dai vigili urbani dell'Alta Vallagarina durante un controllo alle porte di Rovereto addirittura nel settembre del 2004, è ancora in ballo e adesso, per dirimere il caso, la Comunità di Valle (che allora si chiamava Comprensorio della Vallagarina e da cui dipende la polizia locale in questione) dovrà presentarsi davanti al giudice di pace di Napoli. E non certo come creditore insoddisfatto ma tirata per la giacchetta dai discoli al volante che contestano le modalità di riscossione forzata ordinate dall'ente di via Tommaseo. 

Il ricorso, tra l'altro, sembra in linea con la sceneggiata tipica del teatro partenopeo: trenta pagine di formalismi legali che da soli riuscirebbero a ingarbugliare anche il processo più facile. Rimane il fatto che per dipanare questa matassa quantomai contorta gli esponenti della Comunità della Vallagarina devono scendere nel capoluogo campano. E tutto per vedersi ristorare una multa per comportamenti non consoni alla guida. Chiaramente non saranno né il presidente Stefano Bisoffi né il segretario generale Alessandro Morandi, in settembre, a salire su un Frecciarossa alla volta di Napoli ma, casomai, il giurista incaricato di dirimere la questione, in questo caso l'avvocato Carlo Chelodi a cui è stato affidato il caso. 

Ma com'è possibile che per una contravvenzione comminata dai vigili urbani a inizio millennio sia chiamato in causa l'ente che presiede alla polizia locale e, per di più, come convenuto? La questione, come detto, è intricata. Perché i guidatori «birichini» contestano all'ex Comprensorio la procedura amministrativa adottata per incassare la multa. E, non caso, tirano in ballo pure l'Agenzia delle Entrate alla quale l'allora C.10 inviò il verbale degli agenti non onorato affinché provvedesse ad un ristoro coatto della somma dovuta.
A questo punto verrebbe da chiedersi come mai il fascicolo non è finito al Follone, sul tavolo del giudice di pace di Rovereto. «Perché non è stata impugnata la contravvenzione ma l'opposizione all'esecuzione del pagamento moroso della stessa. - spiegano in via Tommaseo - E, tra l'altro, sono state sollevate fantasiose questioni che ricordano la sceneggiata. Il tutto, comunque, per un importo modesto». Questo, ovviamente, in origine visto che, non avendo mai minimamente pensato di onorare il debito con l'ente pubblico lagarino i due automobilisti napoletani (il conducente indisciplinato fermato ad un controllo e il proprietario della macchina, responsabile in solido al pagamento), hanno lasciato che la somma raddoppiasse di volta in volta raggiungendo la cifra di mille euro. 

La vettura in questione, per la cronaca, fu fermata e punita il 7 settembre 2004 da una pattuglia del corpo di vigilanza urbana dell'Alta Vallagarina. Nulla di speciale, una normale violazione al codice della strada con tanto di bollettino postale per pagare entro la data stabilita. Il guidatore, che abita ad Ercolano, quando è tornato a casa si è scordato del «balzello» e non ci ha più pensato. A Rovereto, nel frattempo, dopo aver atteso la «dead line» hanno girato la «patata bollente» all'ente incaricato di recuperare i crediti, Uniriscossioni spa. L'incarico è rimasto lettera morta almeno fino a quando, dopo l'avvertimento che si sarebbe proceduto con eventuali pignoramenti, automobilista e proprietario del veicolo hanno deciso di fare causa tanto all'Agenzia delle Entrate (nel frattempo subentrata a Uniriscossioni) che alla Comunità della Vallagarina. Che è passata da creditrice a convenuta.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?