Salta al contenuto principale

Sosta selvaggia alla Solatrix di Rovereto: bus nei guai

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 16 secondi
Gli autisti dei mezzi pubblici della tratta che porta alla casa di cura Solatrix sono esaperati: ogni giorno hanno a che fare con automobili parcheggiate malamente nel piazzale della clinica e si trovano in seria difficoltà per poter completare il tragitto loro assegnato. «È davvero un problema serio - spiega Nicola Petrolli della Uiltrasporti - e bisogna assolutamente intervenire, non si può andare avanti così». 
 
Anche perché la sbadataggine non c’entra molto, e neppure la fretta di accedere alle prestazioni sanitarie, o ancora l’esigenza di portare un proprio caro alle cure prescritte. «I segni per terra - prosegue Petrolli - sono chiari, gialli, ben segnalati. È impossibile non vederli. Si tratta proprio di automobilisti che fanno i comodi loro. Se la situazione non cambia gli autisti saranno costretti a prendere provvedimenti».
 
Quello dei collegamenti pubblici con la Solatrix è un servizio importante per la collettività, di cui i responsabili dei trasporti vanno fieri. Ma una volta giunti al piazzale, molto spesso, non possono fare manovra perché le auto sono parcheggiate male e i vigili urbani dicono che non si può intervenire perché il suolo è privato.
 
I bus non sono abilitati a fare retromarcia perché in coda non si vede nulla ed il rischio di colpire di striscio un passante è alto. L’unica soluzione è fermare la corsa e cercare di rintracciare i responsabili della sosta selvaggia. In alternativa, arriva dal sindacato l’idea di mettere delle telecamere e, quando si nota un automobilista che cerchi di fare il furbo, lo si blocca immediatamente.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?