Salta al contenuto principale

Gambero Rosso, a Rovereto

premiato locale di «street food»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

Una visita in incognito dei critici enogastronomici della guida del Gambero Rosso. Poi, inaspettata, la consacrazione come migliore locale di «street food» (cibo da strada) della regione. Una bella sorpresa per il Briciole Food & Drink di viale Trento che la guida Gambero Rosso Street Food 2017 ha premiato come miglior locale del Trentino A.Adige per il cibo di strada. Caffetteria ma anche cucina con piatti e vini del territorio, nato da un'idea di Matteo e Ivan Piffer , ultima generazione della famiglia che, dal lontano 1926, gestisce il Panificio Moderno di Isera.

Come si legge sulla rinomata guida: «La loro storia inizia dal pane, con le esperienze del Panificio Moderno, ma oggi si spinge più in là per un'offerta degna di una bakery d'oltre Oceano».  Il banco è sempre pieno di ogni tipologia di pane e similari. Come le focacce farcite con i prodotti tipici trentini (Casolet, Mortandela e verdure a km 0) che lo staff di Briciole la scorsa settimana ha portato alle Officine Farneto di Roma durante la presentazione della guida del Gambero Rosso 2017. O come il pane a lievitazione naturale accompagnato dall'olio del Garda, salmerino e fiori di campo.

«La scelta di materie prime di qualità e la bravura nel saperle trasformare per creare menù sempre nuovi, la cura nel servizio e tanta passione in quello che facciamo: questi i segreti del successo», affermano radiosi i dipendenti di Briciole, inaspettatamente proiettati sulle cronache. Sapori autentici che seguono le stagionalità e che hanno convinto i raffinati palati dei critici del Gambero Rosso, la guida per antonomasia della ristorazione italiana.

Molto apprezzata l'attenzione, sempre crescente, per i prodotti del territorio. «Le verdure per le insalate e per condire panini e focacce le acquistiamo in un vicino maso, le uova da un piccolo allevamento in Val di Gresta e in un campo di Brentonico abbiamo seminato il grano che in futuro utilizzeremo per fare il nostro pane», spiegano i titolari.

A questo si aggiunge l'originalità della formula. Ai segreti della tradizione di panificatori (farine macinate a pietra, lievitazione lunga e naturale, cura nella selezione di ingredienti biolologici...) si aggiunge l'innovazione. Dal 2009, allo storico panificio si affiancano la caffetteria, la pasticceria e l'idea di ampliare la proposta con pranzi veloci e spuntini. Nasce così il Briciole Food&Drink che cavalcando la moda dello street food, il mangiare da strada, nel giro di pochi anni riesce a ottenere la fiducia dei clienti e il prestigioso premio culinario che consacra il piccolo locale di viale Trento, inserito nel complesso Intercity, come campione regionale.

Non da ultimo un gruppo di dipendenti sorridente e molto affiatato. Ogni due settimane, svelano le ragazze di Briciole, ci troviamo per confrontarci e proporre nuove idee per far crescere il locale. «Il riconoscimento è frutto di un lavoro di squadra e per questo - conferma orgogliosa la famiglia Piffer - Briciole ringrazia tutto il suo staff, i fornitori e gli amici. Siamo certi sarà per noi stimolo a migliorare ancora di più».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?