Salta al contenuto principale

Pubblicità sugli ascensori dell'ospedale di Rovereto: sì o no?

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi
Le porte degli ascensori dell’ospedale Santa Maria del Carmine a Rovereto sono state «decorate» con la pubblicità della Conad. Un modo per tirar su soldi, in tempi di magra, e d’altronde in altre zone dell’ospedale ci sono già iniziative del genere, relative però a beni legati alla salute e al benessere.
 
Lo scontro è aperto, con alcuni esponenti politici, come Giovanni Spagnolli (ex assessore alla sanità) e Claudio Civettini (Civica Trentina), che parlano senza misure di «oltraggio» e «indecenza». Anzi, il primo ipotizza cartelloni con le facce degli aspiranti sindaci e il secondo con messaggi promozionali di pompe funebri. Altri invece sostengono che promuovere articoli medici in ambiente sanitario può dar luogo a confusione, come se in questo modo si volessero «consigliare» i pazienti a scegliere un prodotto come un materasso o dei pannolini, oppure un servizio di assistenza privata anziché un altro. E comunque il denaro raccolto in questa maniera è decisamente ingente e viene usato per iniziative sanitarie.
 
In verità esiste un codice che regola la scelta degli sponsor ma, a parte questo, siete favorevoli o contrari alla pubblicità nelle aree pubbliche di cura come ospedali, ambulatori, e case di riposo?
 
 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy