Salta al contenuto principale

Il cane Heni fiuta la cocaina

nascosta nel lampadario

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

I parchi, anche quelli altogardesani, tornano a essere luoghi frequentati da spacciatori e clienti alla ricerca di sostanze stupefacenti. Non è quindi un caso che proprio sui giardini pubblici - in questo caso a Riva - si sia concentrata l’attenzione delle forze dell’ordine.
Ieri mattina sono stati i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Riva a setacciare alcuni parchi cittadini nel corso di un servizio pensato proprio per reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti. I militari rivani sono intervenuti assieme a una unità cinofila di Laives.

Durante i sopralluogi sono stati acquisiti elementi che portavano ad un soggetto sospetto - si tratta di S.G. di anni 25, rivano di origini dominicane, con precedenti penali - che è stato raggiunto a casa e sottoposto a perquisizione domiciliare e personale. Addosso non gli è stato trovato nulla ma grazie al fiuto del cane Heni e all’abilità del carabinieri conduttore, è stato possibile rinvenire cinque grammi di cocaina che erano stati nascosti nel lampadario, forse pensando così di eludere eventuali perquisizioni e anche le capacità di ricerca dei cani antidroga. La cocaina è stata sequestrata così come altro materiale che secondo gli inquirenti confermerebbe la finalità ai fini di spaccio della sostanza.

Il giovane dominicano è stato quindi denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.
Ieri mattina i carabinieri hanno perlustrato i parchi cittadini più a rischio per consumo e spaccio: l’area della Miralago, soprattutto ora che è priva di recinzione, perché sempre piuttosto isolata soprattutto la sera, e i giardini antistanti la stazione delle autocorriere di viale Trento.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy