Salta al contenuto principale

La Lilt ai mercatini,

grazie all'ospitalità della Cazzaniga

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 42 secondi
Prevenire è vivere è il motto della delegazione Alto Garda e Ledro di Lilt, Lega Italiana per la lotta contro i tumori, che da settembre si è trasferita al Palazzo Le Palme di Arco, lasciando la sua storica sede rivana per una nuova riorganizzazione in grado - questi gli intenti - di garantire anche una maggior vicinanza alla principale struttura ospedaliera della nostra comunità, l’ospedale arcense di via Capitelli. La Lilt è da molti anni un punto di riferimento importante in Trentino come nell’Alto Gada, l’associazione fornisce aiuto e servizi concreti ai pazienti oncologici sotto diverse forme, anche ospitando, ad esempio, in case d’accoglienza le famiglie che raggiungono il capoluogo per le cure di protonterapia a cui sono sottoposti i figli. «Siamo stati accolti carinamente dalla popolazione arcense - ha raccontato nei giorni scorsi Anna, volontaria dell’Alto Garda - abbiamo incontrato molte persone sensibili e ottenuto l’appoggio del Comune e delle organizzazioni locali, come il Circolo Vela Arco che ha devoluto il ricavato di una cena alla nostra associazione. Siamo grate dell’appoggio ricevuto dalla libreria Cazzaniga, ci ospiterà per tutta la durata dei mercatini natalizi».
La libreria arcense ha infatti concesso uno spazio alle cinque volontarie della zona, in modo da esporre i simbolici braccialetti (acquistabili con offerta libera) ogni sabato e domenica dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. «È un piacere ospitare persone che danno supporto alla comunità - ha detto il titolare Giovanni Cazzaniga - si tratta di una causa molto importante, capace di unire e fare del bene».  I servizi offerti dalla delegazione riguardano campagne di sensibilizzazione sulla prevenzione e sulla diagnosi precoce, visite dermatologiche e trattamento del linfedema.  
«Due di noi hanno vissuto il cancro sulla propria pelle - ha aggiunto Anna - comprendere quanto sia essenziale la prevenzione è l’unico mezzo capace di sconfiggerlo. È fondamentale ricevere aiuto, soprattutto dopo aver raggiunto la fine del tunnel». 
Chiunque desideri fare un’esperienza di volontariato di Lilt può contattare la sede di Trento al 0461.922733 oppure info@lilttrento.it.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy