Salta al contenuto principale

Il libraio antiquario di Riva

che mette al tappeto Amazon

Mario Giupponi e il colosso dell'e-commerce

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

C'è molto di Riva in una «battaglia» e in una vittoria che senza enfasi si può definire «storica»: perché è la prima volta che un colosso come Amazon si deve piegare e chiedere scusa, di fronte ad una protesta che ha attraversato tutto il mondo, da oriente ad occidente, da nord a sud. A protestare è stata una categoria di commercianti, i librai antiquari. Che nel mondo sono rapprentanti dalla Ilab (International League of Antiquarian Booksellers) e hanno un vicepresidente italiano e nel nostro Paese dall'Alai, l'associazione librai antiquari italiani. E qui sta il collegamento con Riva, perché il presidente nazionale dell'Alai altro non è che Mario Giupponi, titolare dello Studio Bibliografico Benacense con attività commerciale nota a tutti nella centralissima via Disciplini, angolo porta S. Giuseppe.
La genesi della protesta è presto spiegata: AbeBooks, il sito di Amazon specializzato nella vendita di libri usati e rari, nelle settimane scorse aveva annunciato che avrebbe smesso di lavorare con le librerie antiquarie di alcuni Paesi quali Corea del Sud, Polonia, Repubblica Ceca, Russia e Ungheria, peraltro senza fornire argomenti plausibili per questa decisione. Altri avrebbero pensato «beh, anch'io faccio questo lavoro ma non mi riguarda direttamente». Loro, i librai antiquari di tutto il mondo (Italia compresa), no. E il tam-tam in rete partito dall'Inghilterra ottiene i risultati sperati: in una manciata di giorni 550 librerie di 27 Paesi dicono stop e rimuovono dal sito di Amazon oltre tre milioni di libri, cosa che ovviamente al colosso dell'e-commerce non piace affatto. Tra queste librerie anche 25 italiane sulle 100 affiliate all'Alai e quella di Mario Giupponi, presidente dell'associazione, è stata l'unica in Trentino (l'altra è a Trento) a prendere parte all'iniziativa di protesta.
Risultato finale, la «vacation week» ha spaventato AbeBooks e Amazon e al quinto giorno della protesta ecco la retromarcia. Del resto, numeri alla mano, 3 milioni di libri del valore medio di 120 euro cadauno tolti dal mercato equivalgono a 30 milioni di libri «normali». E quando c'è di mezzo il «Dio soldo»... Morale: videoconferenza alle quattro del mattino ora italiana dall'altro capo del mondo coi vertici dei due siti online, tante scuse e disposizione annullata. Così Davide mette al tappeto Golia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy