Salta al contenuto principale

La galleria Adige Garda

salva il Veneto dall'alluvione

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 5 secondi

L'apertura della galleria Adige-Garda, che permette di scaricare le piene del fiume all'altezza di Mori e deviare l'acqua nel Garda e quindi nel bacino del Mincio e del Po, ha funzionato: il fiume ha superato alle 23 di stanotte il livello dei 4,95 metri nei pressi del ponte di San Lorenzo a Trento e quota 5,29 a Vò destro (verso Borghetto). Un evento raro, l'ultima volta successe 20 anni fa, e poi per una prova tecnica circa 10 anni fa, ma in forma limitata. 

Ecco il video dello scarico, questa mattina, nel lago di Garda (Paolo Liserre)

La paratia è stata aperta, in accordo con la Lombardia: la galleria Adige-Garda permette di deviare parte della portata del fiume, alleggerendo la pressione sul veronese. Una manovra idraulica che ha però pesanti ripercussioni sul Garda: dove l'acqua del fiume sbocca nel lago, la differenza di temperatura e i depositi di fango metton oa rischio la fauna ittica per vasti tratti, ma ilk Garda è in grado di «assorbire» nel suo vasto bacino una buona massa di acqua.

Per il resto non vi sono stati i temuti danni nella zona di Trento, anche se nella notte sono stati sfollati in via precauzionale circa 50 abitanti di Mattarello.

Il fiume ha sfiorato i ponti a nord di Trento: alla Cacciatora e a Nave San Rocco, ma senza fare danni.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy