Salta al contenuto principale

Arco, casa Berlanda

sarà demolita

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

«Casa Berlanda», l’impasse è superato: la soprintendenza per i beni culturali della Provincia ha finalmente concesso l’autorizzazione al progetto di demolizione dell’edificio e degli antistanti «spogliatoio ex Tennis». Un’opera necessaria al fine di avviare la riqualificazione dell’area del Casinò Municipale.
Come spiega la determina del soprintendente provinciale Franco Marztico, l’autorizzazione a demolire è stata concessa «considerato che i lavori e le opere previsti negli elaborati progettuali, allegati alla sopraccitata istanza, sono compatibili con la salvaguardia delle condizioni di ambiente e di decoro del bene direttamente tutelato» purché «vengano osservate concordate con il funzionario incaricato di zona della Soprintendenza per i Beni culturali, ufficio beni architettonici i dettagli e i materiali delle previste sistemazioni, pavimentazioni, illuminazione ed arredi»  e venga  sottoposta alla Soprintendenza «la progettazione di dettaglio delle aree verdi come indicato negli elaborati nel rispetto delle prescrizioni di tutela indiretta».
Oltre a questo, la soprintendenza ricorda che è «fatto divieto di eseguire qualsiasi costruzione, modificazione dell’ambiente urbano, degli edifici e dell’assetto dei giardini, di realizzare nuove recinzioni, pavimentazioni, impianti di illuminazione, manufatti ed installazioni in genere, che rechino pregiudizio alle viste sul complesso denominato Casinò Municipale di Arco o ne alterino le condizioni di ambiente e decoro, con specifico riferimento alla storia e alle modalità insediative dello sviluppo di Arco come rinomato ‘Kurort’ e dei suoi successivi adeguamenti, o ne danneggino le prospettive o la luce».
«Si tratta di un’opera largamente condivisa dalla cittadinanza e dalle attività commerciali - osserva il sindaco Alessandro Betta -. La demolizione servirà per riqualificare l’area e dare un po’ di respiro. All’interno di Casa Berlanda sono poche al momento le attività ma comunque dovremo trovare altra collocazione anche per loro, il volume è in uno stato di degrado». Sulle tempistiche, spiega Betta, «è verosimile che l’opera di demolizione avvenga nei primi mesi del 2019 o più improbabile alla fine di quest’anno».
Dopo la demolizione, spazio ai parcheggi: «Una volta demolito il volume - osserva il sindaco - l’obiettivo è quello di ricavare circa 8-9 parcheggi a spina di pesce oltre al riordino dell’area, in via provvisoria. Per il futuro si vedrà. I commercianti chiedono anche la realizzazione del parcheggi o interrato ma quello è un progetto che quest’amministrazione comunale ha del tutto abbandonato. Sui giardini ci sono progettualità e diverse idee, vogliamo ragionarci per arrivare a un progetto largamente condiviso».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy