Salta al contenuto principale

Scherzi, selfie e battute: così

Scamarcio ha conquistato Riva

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 40 secondi

Uno degli attori italiani più belli e bravi è in città ma il pubblico rivano fa spallucce e tira dritto. Grazie anche all’incrollabile muro del «silenzio stampa» imposto dalla produzione, che tutti i soggetti coinvolti sono stati chiamati a rispettare, la presenza di Riccardo Scamarcio, nota star di «Tre metri sopra il cielo», sul lungolago rivano è passata in sordina, lasciando quasi a bocca asciutta quei (pochi) fan che ieri si sono appostati nei pressi di «Spiaggia degli Olivi», la location scelta dal regista Guido Lombardi per girare alcune scene serali del nuovo film «Il ladro di giorni».

Totalmente «a porte chiuse» invece le riprese effettuate ancora martedì e mercoledì all’hotel «Lido Palace», dove la «Bronx Film» aveva riservato alcune suite dove girare delle scene in notturna, con il lago di Garda sullo sfondo: per gli operatori della troupe e il cast, accesso privato al quarto piano, per evitare così sia di disturbare gli ospiti presenti in hotel sia di interagire con eventuali curiosi.

Come dice il proverbio, però, chi la dura la vince. E chi ieri si è appostato all’esterno della «Spiaggia degli Olivi» in attesa che le riprese in camera-car terminassero e che Scamarcio facesse il suo ritorno, tenendo testa anche alla pioggia, ha potuto alla fine incontrare il proprio beniamino.

Che ben volentieri alla fine si è prestato non solo alla posa per qualche selfie, che l’attore ha improvvisato pure con alcune ammiratrici inglesi di passaggio, ma anche allo scambio giocoso di un paio di battute. «Qui siamo sulla sponda bresciana, vero? Siamo a Salò, giusto?» ha chiesto, scherzando e mettendo a segno un occhiolino prima di tornare a dileguarsi sul set.

Ad attendere Riccardo Scamarcio, la troupe e una decina di comparse altogardesane, la scenografia approntata sulla terrazza della «Spiaggia degli Olivi», dove in serata è stata infine girata la scena che nel film verrà poi restituita come quella di una cena in un ristorante, in cui il protagonista del film incontrerà il figlio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?