Salta al contenuto principale

Festeggia la maturità a Riva

Cade dal muretto: in fin di vita

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 38 secondi

Erano in quindici, almeno, a festeggiare la fine della scuola e il diploma da poco ottenuto dopo la maturità nel loro liceo scientifico di Laives. Arrivati da Laives, Bolzano, Cardaro. Tutti insieme per trascorrere una notte sul monte Brione, tra gli ulivi, ospiti di un amico proprietario di uno dei fondi.
Una festa sicuramente originale, ad un’ora e mezza da casa, di fronte al Garda, ma che ha avuto un epilogo infelice.
Dopo una serata sicuramente allegra, nel cuore della notte, i ragazzi si sono accorti che uno di loro - Markus Zwerger, 19 anni, di Laives - non era più tra loro. Sembra sia trascorsa un’ora dal momento in cui il giovane si è allontanato a quello in cui gli amici si sono accorti della sua prolungata assenza. A quel punto è scattato l’allarme e nonostante le informazioni abbastanza sommarie sulla loro posizione, l’ambulanza di «Trentino Emergenza» e i vigili del fuoco volontari di Riva sono riusciti a raggiungere il campo dove si stava svolgendo la festa trovando il giovane a poca distanza, precipitato da un muretto - di quelli tipici dei terrazzamenti sul Brione - per almeno tre metri. Gravissime le condizioni di Zwerger, a causa di un trauma cranico con emorragia. Il ragazzo è infatti caduto da un’altezza di quasi due metri sul selciato cementato di una strada interpoderale. È stato stabilizzato e trasferito da ambulanza e pompieri al campo della Benacense dopo attendeva l’elicottero di «Trentino Emergenza». Il ragazzo è stato trasportato prima al S.Chiara in prognosi riservata, ieri è stato poi trasferito al neurochirurgico di Bolzano. Le sue condizioni restano molto gravi e le prossime ore saranno decisive per capire l’evoluzione del trauma cranico e dell’emorragia cerebrale.
Sul Brione, alle 3 del mattino, sono intervenuti quattro fuori strada - i «Defender» - dei vigili del fuoco volontari rivani, reduci dall’incidente nelle gallerie del «Dom» e dell’«Agnese» e i carabinieri di Arco per raccogliere le testimonianze dei ragazzi e ricostruire l’accaduto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy