Salta al contenuto principale

"Il Movimento 5 stelle è irriconoscibile"

Giovanni Rullo e Flavio Prada, due ex candidati sindaco, lasciano il M5s

Chiudi

flavio prada e giovanni rullo (a dx)

Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 22 secondi

«Non siamo noi a essere cambiati, ma è il movimento a essere irriconoscibile». Dopo lunghe settimane di riflessione, la decisione è arrivata: da ieri i consiglieri comunali di Arco e Riva del Garda, Giovanni Rullo e Flavio Prada, entrambi candidati sindaci alle elezioni ultime elezioni comunali, non fanno più parte del Movimento Cinque Stelle e accusano la forza politica cappeggiata da Luigi Di Maio di aver tradito i valori e lo spirito originale. Entrambi, tuttavia, non si dimettono e aderiscono ai rispettivi gruppi misti consiliari, in cui ad Arco siede già l’ex deputato Mauro Ottobre, mentre a Riva è presente la consigliera Franca Bazzanella. Ma se cambierà dunque il collocamento all’interno del civico consesso, l’azione politica, assicurano, rimarrà la medesima, nel nome di quei principi che i consiglieri «dissidenti» non riescono più a scorgere all’interno del Movimento Cinque Stelle.
«La mission originale del movimento - spiega Rullo - era quella di promuovere una rivoluzione culturale che togliesse ai partiti quel senso di immunità e riducesse quella distanza siderale tra la politica e cittadini. L’obiettivo era quello di cambiare il sistema e mandare a casa i rappresentanti della casta, ma purtroppo il sistema è ancora lì e a essere cambiato è il movimento. Della democrazia diretta non vi è più traccia, così come della trasparenza e degli incontri in streaming. Siamo passati dall’uno vale uno al capo politico che ha diritto di veto. Il movimento è un partito verticistico», afferma Giovanni Rullo. La rivoluzione non c’è stata, prosegue il già candidato sindaco, «e oggi il fine giustifica i mezzi. Pur di raggiungere l’obiettivo finale, che è quello di governare, si va in deroga alle regole fondanti del movimento. Addirittura si fa l’accordo con il centro-destra per votare Maria Elisabetta Alberti Casellati, voto che ha fatto rivoltare lo stomaco persino a Marco Travaglio. Per non parlare del nuovo regolamento parlamentare».
«Sono stato stato eletto in consiglio con i principi originari del movimento, continuerò a fare fede a quel programma dal gruppo misto, in opposizione a Betta», annuncia Rullo, che smentisce una sua possibile candidatura alle elezioni provinciali di ottobre.  
Posizione condivisa dal collega rivano Flavio Prada: «Si tratta di una situazione anomala dal mio punto di vista - sottolinea - non siamo noi a cambiare partito, ci hanno tolto il pavimento sotto i piedi. Nei fatti, il Movimento Cinque Stelle sta agendo in aperto contrasto al progetto originale, stanno stravolgendo tutto, a qualsiasi principio si mette davanti il famoso “obiettivo”, che è quello di governare. La nostra intenzione - afferma - è quella di proseguire con il programma con il quale siamo stati eletti; cambierò il posizionamento fisico all’interno del consiglio, ma non l’azione politica».
Rullo e Prada si erano autosospesi dal movimento alla fine del gennaio, in polemica con le candidature di Camera dei deputati e Senato decise dai vertici del movimento nei collegi trentini.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy