Salta al contenuto principale

Falò, lago, notte in palestra e gite:

"Anaguslav", il camp del territorio

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 21 secondi

La notte in palestra, la cena intorno al falò, l'uscita  con il sup (la tavola da surf dove si sta in piedi), i tuffi nel torrente,  i lavori con la lana. L'immenso parco giochi diventa il territorio, con  i suoi prati e le sue montagne, con gli specchi d'acqua e i boschi, e per  esplorarlo i mezzi sono due: o i piedi o la bicicletta. Tutto questo è Anaguslav, un camp estivo diverso dagli altri, un racconto magico che parte dalla leggenda di una creatura misteriosa, che si risveglia solamente nella  stagione più calda: quando suona l'ultima campanella si sveglia e mette  a disposizione dei bambini il suo regno. Anaguslav altro non è che Valsugana al contrario, e il camp (9 settimane, 20 bambini per turno) è l'idea portata  avanti da Giulia Garollo e Andrea Cestari, coordinatori e responsabili,  insieme a Valentina Triches e Bianca Bassi, con la collaborazione di Pergine Volley e Civezzano Volley, ma anche di Comuni, enti, cooperative. 

 

«Noi  siamo allenatori di pallavolo nell'Alta Valsugana Volley - racconta Giulia  Garollo - e qualche anno fa le bambine mi chiesero "Ma perché d'estate non si fanno allenamenti e dobbiamo sempre starcene a casa"?. Effettivamente  avevano ragione, anche perché il concetto di continuità è fondamentale nell'ambito sportivo. Così abbiamo iniziato a pensarci, con l'aiuto di  Matteo Zingaro, ideatore del Big Camp di Trentino Volley. Abbiamo creato  un camp diverso dagli altri: non sportivo, o non solo. Abbiamo fatto diventare  il territorio il nostro grande parco giochi: portiamo i bambini, dai 4 ai 12 anni, nei prati e nei boschi, al torrente Fersina e al lago di Caldonazzo, ma anche in biblioteca e alla scoperta di antichi mestieri e arti. Il tutto  o a piedi o in bicicletta, dando responsabilità e libertà ai bambini. Che  alla fine ci dicono che il torrente, sconosciuto anche per chi vive a Pergine,  è meglio di Gardaland». 

D'estate i camp estivi, che in Trentino sono  tantissimi e di vario genere, sono diventati quasi un obbligo per tante  famiglie: entrambi i genitori lavorano, le settimane di ferie sono ridotte, la disponibilità di nonni e parenti non è sempre possibile, e quindi iscrivere  i figli a qualche settimana di colonia diventa praticamente un obbligo.  Ma, attenzione: non si tratta di un parcheggio, quanto di un'attività educativa.   

«I bambini - prosegue Andrea Cestari - sono sempre pieni di energia e  voglia di fare: quando proponiamo attività nuove reagiscono sempre con  entusiasmo. A "tirare indietro", a volte, sono i genitori che ci dicono "questa attività non l'ha mai fatta, magari non vuole, non gli piace, gli fa paura". Invece poi fanno tutto, con curiosità e trasporto». 

Una delle  attività preferite è la notte in palestra: in fin dei conti una cosa semplice,  ma capace di esaltare i ragazzini, che dormono fuori casa, con gli amici,  e se lo ricorderanno per sempre. 

«Per noi c'è molta responsabilità, ma lo facciamo volentieri. I bambini hanno delle regole, sia chiaro: rispetto  ed educazione sono le basi, ma cerchiamo di lasciare loro il massimo della  libertà, perché sono in grado di valutare i pericoli, di arrangiarsi e  di gestirsi. La sera spesso mandiamo messaggi ai genitori per avere dei  feedback e capire dove possiamo migliorare».      

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy